BARESI: “IL MILAN DI ALLORA ERA ALL’AVANGUARDIA”

di Redazione

Franco Baresi (fonte foto: maidirecalcio.com)
Franco Baresi (fonte foto: maidirecalcio.com)
L’indimenticato e indimenticabile capitano del Milan, Franco Baresi è stato intervistato dal mensile del club ForzaMilan!. Baresi ha parlato della storica finale di Champions del 1994 contro il Barcellona, in cui era assente per squalifica, fornendo un ricordo personale e particolare di quella stupenda serata: “Il lavoro formidabile del nostro centrocampo fu fondamentale: Albertini, Desailly, Donadoni e Boban. Lì non ci fu partita, limitammo i loro assalti e tenemmo il pallino del gioco. Poi anche la difesa fece il suo dovere e Savicevic fu realmente geniale. Muovendosi tra le linee, scompigliò il loro modulo e segnò un gol incredibile. Aggiungiamo che il mio amico Massaro li punì due volte nel primo tempo ed ecco spiegato il trionfo”Sullo stile di gioco di quel Milan: “Era un Milan tatticamente all’avanguardia senza un centravanti classico e con numerosi centrocampisti, di grande tecnica e in grado di segnare”.Sulle dichiarazioni trionfalistiche dell’allora tecnico blaugrana Johan Cruijff prima della partita: “Non posso testimoniarlo, in quanto insieme a Costacurta – liberi dall’impegno con il Milan – eravamo in ritiro con la nazionale italiana. Li abbiamo raggiunti due giorni prima del match di Atene e me lo hanno raccontato. Ma non ce n’era bisogno: sapevo che partire sfavoriti, se sei sicuro dei tuoi mezzi, regala una motivazione in più. Poi il calcio è uno sport dove le soprese sono all’ordine del giorno e quindi non devi mai sottovalutare chi affronti. Sacchi diceva: rispetto per tutti, paura di nessuno”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy