news milan

Ufficiale, maggioranza dell’Inter acquistata da Suning

Erick Thohir, Presidente dell'Inter, e Jindong Zhang, del gruppo Suning (credits: GETTY Images)

Adesso è ufficiale, l'Inter è passata al gruppo cinese Suning. Con una conferenza stampa le due parti hanno annunciato l'accordo.

Stefano Bressi

Mancava solo l'ufficialità, che adesso è arrivata: l'Inter è passata ai cinesi di Suning. Il gruppo orientale ha acquistato circa il 70% delle quote del club nerazzurro. Erik Thoir resta presidente, ma come socio di minoranza. L'unico, perchè la famiglia Moratti lascerà definitivamente la guida del club.

Il presindente nerazzurro ha dichiarato che si tratta di un passo storico: "Questa nuova partnership con Suning Holdings Group porta l'Inter a compiere un passo rivoluzionario verso il futuro. Nei due anni e mezzo appena trascorsi abbiamo costruito su una solida base già esistente, rinnovando il Club, rendendolo ancor più forte e strutturato. Adesso questa nuova partnership ci consente di compiere un nuovo, decisivo, passo in avanti nel progetto di far ritornare l'Inter al posto che le compete, tra i top club mondiali".

Certamente una svolta importante nella storia dell'Inter. Suning Holdings Group garantirà investimenti di livello e finalizzati a riportare l'Inter in alto. Anche Jindong Zhang, Chairman di Suning, ha parlato di questo accordo: ""L'acquisizione della maggioranza dell'Inter fa parte della strategia di Suning di sviluppo in Cina del calcio e dello sport in generale, improntata alla salute e al lifestyle. Questa partnership consentirà anche la crescita del Jiangsu Suning Football Club da un punto di vista tecnico e aiuterà Suning Holdings Group a svilupparsi a livello internazionale, rendendo il brand riconosciuto in Europa e nel mondo intero".

Adesso spetta al Milan seguire le orme dei cugini. Per il calcio italiano questa potrebbe essere una svolta epocale. E per Milano sarebbe l'opportunità di tornare ai livelli che gli spettano.

"TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

"SEGUICI:

tutte le notizie di

Potresti esserti perso