Verso Milan-Lecce, Liverani: “Dovremo avere il fuoco dentro”

Verso Milan-Lecce, Liverani: “Dovremo avere il fuoco dentro”

Fabio Liverani, tecnico salentino, ha parlato alla vigilia di Milan-Lecce, gara in programma domani sera a ‘San Siro’: tutte le sue dichiarazioni

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILANFabio Liverani, tecnico salentino, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Milan-Lecce, gara in programma domani sera a ‘San Siro‘. Queste le dichiarazioni integrali di Liverani, così come riportate da ‘TuttoMercatoWeb‘.

Sui giocatori reduci dagli impegni con le Nazionali: “Majer ha giocato qualche minuto, ma con noi è sceso in campo parecchio in questo inizio di stagione. Benzar ha giocato tutte e due le partite con la Romania ed è andata bene, così come anche Vera è sceso in campo. Per Imbula e Shakhov, non avendo giocato, è stata un’esperienza negativa”.

Sui dubbi di formazione per domani: “Ci aspetta un tour de force con molti impegni ravvicinati, è chiaro che ci sarà bisogno di tutti. Soprattutto in attacco”.

Sulla gara contro il Milan: “I rossoneri hanno caratteristiche per poter scendere in campo con il 4-3-3, hanno cambiato allenatore. E Pioli ha lavorato con l’intero gruppo solo da giovedì, come me. Toccherà a noi far soffrire il Milan, non andremo lì per rintanarci nella propria metà campo. Vogliamo e dobbiamo attaccare, solo così potremo fare punti. La nostra filosofia prevede di difenderci attaccando”.

Sulla sconfitta in casa dell’Atalanta: “Ormai è superata. Ho a disposizione un gruppo intelligente e sensibile. Contro i nerazzurri non mi è proprio piaciuto l’atteggiamento, siamo andati in difficoltà troppo facilmente e questa cosa non è accettabile per il Lecce. Domani mi aspetto segnali da questo punto di vista: sono sicuro che sarà così”.

Sulle precauzioni per affrontare il Milan: “Nel loro attacco c’è Suso, un calciatore imprevedibile. Ma anche a centrocampo hanno tanta qualità. È un gruppo che saprà interpretare bene le idee di calcio di Pioli”.

Sulle condizioni fisiche di Babacar: “Ha lavorato parecchio in queste due settimane, così come Farias: i due alzano il tasso qualitativo della nostra rosa. Oggi la loro condizione è sicuramente migliore”.

Sull’importanza del regista nel centrocampo leccese: “Chi gioca in quella posizione del campo, oltre alla qualità, deve avere grinta e personalità. Ho Tachtsidis e Petriccione, che per caratteristiche sono differenti. Devono migliorare nelle loro pause durante la partita, devono essere sempre un punto di riferimento per il resto della squadra nel corso della gara”.

Sugli stimoli che può dare ‘San Siro’: “La Serie A, per noi, a prescindere dall’avversario è una gioia. Adesso deve subentrare la voglia di mantenere la categoria. Bisogna avere il fuoco dentro, altrimenti c’è il rischio – da evitare – di fare l’ascensore. Voglio che i miei calciatori abbiano la presunzione di non essere di passaggio in Serie A”.

Sullo 0-4 incassato lì contro l’Inter: “Rispetto a quella gara siamo cresciuti dal punto di vista fisico. Oggi siamo una squadra più compatta e consapevole delle proprie qualità. Solo alla fine del girone d’andata, però, potremo capire chi siamo”.

Sulla classifica dei giallorossi: “Non la guardo. Ora vogliamo solo fare punti ovunque. Però se dovessi stabilire un numero di punti a fine girone, me ne aspetto 17-20”. Liverani ha convocato 25 giocatori per Milan-Lecce: ecco l’elenco completo.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter/// Instagram/// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy