Wang Muqing, del Comitato olimpico: “Amo sia Milan che Inter”

Uno dei membri del Comitato organizzativo olimpico invernale Pechino 2022, Wang Muqing è a Milano e ha parlato del Derby, sempre più cinese.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

È pechinese, ha 34 anni ed è un dirigente del Dipartimento comunicazione del Comitato organizzativo olimpico invernale Pechino 2022: Wang Muqing. Oltre alla neve, il dirigente cinese ama anche il calcio. Una passione particolare la ha per le due milanesi. Intervistato dal Corriere della Sera, infatti, Wang dice di essere a Milano, in cerca di un biglietto per la partita di stasera e di essere diretto al Milan Megastore per acquistare una maglia rossonera. Nel capoluogo lombardo ci è arrivato con la delegazione cinese Beijin Olympic City Development Association, che presenta diversi film al festival delle TV sportive del Ficts. Impossibile non pensare al Derby, il primo quasi tutto cinese.

Wang, interrogato sul suo tifo, mantiene un ruolo diplomatico: “In realtà amo sia Milan che Inter. Con il mio ruolo olimpico sono un po’ un uomo di governo… I miei idoli sono Gullit, Costacurta, Pirlo, Beppe Baresi. Quest’ultimo una volta l’ho incontrato e mi ha firmato un pallone e una maglia nerazzurra. So che il fratello Franco era più forte, in Cina è famoso, ma io ho l’autografo di Giuseppe…” Wang spiega poi che Milan e Inter sono i club più amati dai quarantenni perché la televisione statale iniziò a trasmettere il campionato italiano nel 1987: “Da noi c’è una base di tifo solida, ecco perché i nostri imprenditori hanno investito nelle due squadre di Milano. La mia passione per il calcio si è rivelata formativa anche per il lavoro: il football è un gioco di squadra dove ci si deve aiutare, come in ufficio”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Kakà: “Derby, che ricordi! Il mio primo gol e la vittoria in rimonta”

Milan-Inter day, è un derby imperiale

TUTTE LE ULTIME SUL DERBY

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy