Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Milan-Torino, Higuain batti un colpo! Pipita per il tuo compleanno fatti un bel regalo

Gonzalo Higuaín, centravanti del Milan (credits: GETTY Images)

Gonzalo Higuain domani spegne 31 candeline e questa sera tornerà titolare contro il Torino dopo la squalifica: non segna dal 28 ottobre

Alessio Roccio

Di fronte a un San Siro scalpitante visti i risultati delle dirette avversarie di ieri - dopo la sconfitta dell'Inter sono arrivati i pareggi di Roma e Lazio - Gonzalo Higuain ha tutta l'intenzione di riprendersi la scena. Questa volta non facendosi cacciare dall'arbitro, come successo in occasione di Milan-Juventus, ma facendo quello che più gli compete: segnare.

Il Pipita torna titolare in campionato un mese dopo quella maledetta serata contro i bianconeri, ed è chiamato a battere un colpo. L'attaccante argentino è fermo con le marcature a quel 28 ottobre, quando in rimonta il Milan si sbarazzò della Sampdoria, cacciando via quasi tutte le malelingue che volevano un esonero di Rino Gattuso.

Da quel momento Higuain, tra infortunio, squalifica e sosta, ha dovuto lavorare tanto a Milanello senza potersi sfogare sul campo. In mezzo c'è stata la partita contro il Dudelange, giocata interamente da Gonzalo, la quale però - nonostante le 5 reti rossonere - non è stata benevola per l'ex Napoli. Questa sera potrebbe sentire ancora aria di derby visto il suo recente passato alla Juventus e, soprattutto, il Pipita vuole farsi un bel regalo di compleanno, visto che domani spegne 31 candeline.

Gonzalo è fermo a 5 reti in campionato dopo 14 turni, ben 3 in meno rispetto alla passata stagione. L'argentino deve tornare a luccicare, ma Gattuso non gli mette pressione, anzi: "Per noi Higuain è fondamentale e non sarà mai un problema, perché è un campione. Deve pensare a giocare per la squadra e non al gol: quelli arriveranno da soli".

"SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

"SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

tutte le notizie di

Potresti esserti perso