Cessione Milan: il piano di Berlusconi per tenersi il club. Il closing può slittare

Si sta profilando uno scenario alternativo e clamoroso disegnato da Silvio Berlusconi per il futuro del Milan: un’ipotesi che lo vedrebbe ben saldo in sella

di Daniele Triolo, @danieletriolo

“Closing? E’ fatta. Chiudiamo il 13 dicembre. Se così non fosse, mi riprenderei il Milan molto volentieri”. Queste parole, pronunciate in questi giorni da Silvio Berlusconi, non sembrano aver spaventato i cinesi della ‘Sino-Europe Sports’, che stanno proseguendo nell’iter burocratico per completare l’acquisto del 99,93% del Milan da Fininvest. Come stabilito dall’accordo preliminare siglato ad agosto, cinque giorni prima della data del closing, la cordata cinese dovrà assicurare che i 420 milioni mancanti da versare all’azienda milanese per il club siano già sui conti bancari in Lussemburgo. Qualora, però, vi fosse un ritardo delle autorizzazioni del Governo di Pechino per l’esporto di capitali dalla Cina (ipotesi verosimile), la ‘Sino-Europe Sports’ starebbe già lavorando con un pool di banche europee per un prestito temporaneo al fine di onorare gli impegni con Berlusconi.

In tal caso, Berlusconi, come da preliminare firmato, accetterà la vendita del club. Secondo quanto riportato questa mattina da ‘Repubblica’, però, si starebbe profilando uno scenario alternativo, clamoroso, disegnato dallo stesso Berlusconi. Obiettivo del Presidente? Rimanere ben saldo in sella alla presidenza del Milan, per perseguire il progetto di una squadra tutta giovane ed italiana. L’idea sta prendendo corpo, assume i contorni di un progetto concreto. Nel caso in cui ‘Sino-Europe Sports’ non raccogliesse entro i termini prestabiliti il denaro pattuito, Berlusconi chiederebbe il rinvio del closing di almeno 6 mesi, per mancata raccolta dei fondi promessi, e la negoziazione di un nuovo accordo alle sue condizioni di Berlusconi. I cinesi sarebbero costretti ad accettare: qualora ‘Sino-Europe Sports’ rifiutasse, perderebbe la caparra di 100 milioni già nelle casse di Fininvest.

Spetterà, per ‘Repubblica’, ai cinesi, ora, rispettare i tempi, altrimenti, per ottenere una proroga, sborserebbero altri 100 milioni ma in cambio sarebbero costretti a dare a Berlusconi una presidenza onoraria di nome, e carta bianca di fatto, con pieni poteri sul mercato, sugli allenatori, sulla tattica. Da un simile negoziato ne uscirebbe un Berlusconi più forte che mai, non solo nel Milan, ma anche in ottica politica. La vicenda, dunque, sarebbe alla stretta finale. ‘Sino-Europe Sports’, al di là degli effettivi ritardi nelle autorizzazioni per l’espatrio dei capitali da Hong Kong, ha un solo modo per respingere le illazioni e mettere a tacere ogni sospetto sull’operazione: forte di un contratto firmato, può rivelare la composizione della cordata, soprattutto se ne fanno parte società a controllo statale.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Leggi tutto quello che c’è da sapere sulla sfida tra Empoli e Milan

Leggi tutte le nostre news di calciomercato

Guarda tutti i nostri video

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy