Cessione Milan, ecco chi sono i nuovi padroni del club rossonero

La prossima settimana verrà firmato il preliminare di vendita del Milan ai cinesi: Kweichow Moutai ed il gruppo Alibaba nella cordata cinese

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Secondo quanto riportato dal ‘Corriere dello Sport – Stadio’, il fondo cinese destinato, per stessa ammissione del Presidente Silvio Berlusconi, a rilevare l’80% del Milan, è praticamente pronto, e conta i giorni che lo separano dalla firma dell’accordo preliminare per il passaggio di proprietà del club. Il ‘D-Day’ potrebbe essere il 12 luglio: comunque, entro il 15 di questo mese, arriverà la comunicazione ufficiale di questo storico accordo. Ma chi sono i nuovi ‘padroni’ del Milan? Chi subentrerà a Berlusconi dopo 30 anni di onorata, e stravincente, presidenza? Per il momento, secondo il ‘CorSport’, circolano soltanto indiscrezioni, non confermate, sulla presenza nel consorzio di imprenditori che costituiranno il fondo di investimenti, del colosso immobiliare asiatico Evergrande, dell’azienda di liquori Kweichow Moutai, e dei magnati Jack Ma (gruppo Alibaba), Robin Li (gruppo Baidu) e He Xiangijan (gruppo Midea). Il Milan è stato valutato 500 milioni di euro, e dunque a Berlusconi andranno subito 400 milioni per l’80%, più 240 milioni di euro di debiti. A questa montagna di soldi, ha concluso il ‘Corriere dello Sport – Stadio’, andranno aggiunti 400 milioni, quelli richiesti dal Presidente, che arriveranno così ripartiti: 100 attraverso ricapitalizzazione a closing avvenuto, 300 attraverso sponsorizzazioni ed altre forme di sovvenzioni.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Cessione Milan, si accelera: Galatioto è tornato a Milano

Clamoroso Milan: con il super budget ipotesi Verratti

Calciomercato – Attacco Milan, Montella vota Gabbiadini

Intrigo Pjaca: Galliani a Zagabria, il suo agente a Dortmund

Milan, la strategia dei cinesi: Gancikoff A.D., ma Galliani rimane

SEGUICI:

Su Facebook

Su Twitter

Sulla nostra nuova ‘App’

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy