Calcio – Diritti TV 2021-2024, DAZN avanti su Sky | Serie A News

Giovedì si decideranno le sorti dei diritti tv della Serie A per il prossimo triennio. DAZN ha fatto un’offerta più alta e sembra avere l’appoggio delle big

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Sky o DAZN? Il Milan in Tv: Guida e Calendario alle partite

I diritti TV della Serie A a DAZN o a Sky? Giovedì la scelta

 

La Gazzetta dello Sport‘ oggi in edicola ha dedicato un approfondimento alla questione della prossima assegnazione dei diritti TV del calcio italiano per il triennio 2021-2024. Si contendono le gare di Serie A, infatti, DAZN e Sky. In questo testa a testa, secondo la ‘rosea‘, DAZN sarebbe in netto vantaggio sull’emittente satellitare.

Dalla parte di DAZN, nella ‘battaglia’ per i diritti TV della Serie A, ci sono infatti i grandi club. Ovvero, Juventus, Inter, Milan, Napoli, Roma, Fiorentina, Lazio ed Atalanta. DAZN, finora, ha presentato un’offerta più vantaggiosa rispetto a Sky, oltre che a soddisfare la richiesta di novità.

I 20 club di Serie A non temono problemi di segnale o di lentezza nella trasmissione delle partite. I numeri, anche extra calcio, infatti oggi raccontano che tante altre OTT (Over-The-Top, ovvero compagnie che forniscono un servizio multimediale in streaming tramite internet) come Netflix o Amazon Prime vantano già milioni di abbonati soddisfatti.

E, oltretutto, DAZN, almeno nella prima fase, dovrebbe essere supportata da una ‘telco‘ (società di telecomunicazioni, n.d.r.) come TIM. Giovedì pomeriggio, in presenza, l’Assemblea della Lega Serie A deciderà per l’assegnazione dei diritti TV. DAZN, dicevamo, ha presentato una proposta di 840 milioni di euro per il primo e il terzo pacchetto di partite di campionato, vale a dire 7 in esclusiva e 3 in co-esclusiva.

Sky, invece, che ha appena acquisito, sempre per il triennio 2021-2024, i diritti tv sulle 121 gare su 137 di Champions League, più tutta l’Europa League e tutta la Europa Conference League, ne offre 750 per tutti e tre i pacchetti. La proposta, invece, per il solo terzo pacchetto (quello delle 3 gare in comune), ammonta a 70 milioni di euro. Possibile incremento di 50-70 milioni di euro, inoltre, nel caso in cui venisse lanciato il canale ufficiale della Lega Serie A.

Dopodomani, quindi, club, televisioni e tifosi avranno la risposta a questa domanda: dove vedremo le partite di Serie A nelle prossime tre stagioni? In favore di Sky, nella prima convocazione dell’Assemblea di ieri, si erano esposte solo Bologna e Genoa, con Sampdoria e Hellas Verona che avevano preferito non pronunciarsi. La votazione sarà a maggioranza. Calciomercato Milan: riscatto Brahim Díaz, ecco la svolta. Vai alla news >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy