Migliori giovani Serie A: due calciatori del Milan nella TOP 11

Il Milan punta sui giovani e qualche risultato, seppur poco consolatorio, è arrivato. Due giovani rossoneri sono peraltro nella TOP 11 della Serie A

di Giacomo Giuffrida, @GG_Giuffrida
San Siro Milan

NEWS MILAN – I giovani del Milan sono il futuro. Si è detto tante volte, ma quanti diventeranno campioni tali da trascinare la squadra rossonera ad un ritorno nelle posizioni alte di classifica? Una domanda che al momento non ha risposta.

Secondo il sito Thekorner.it, ci sono due classe ’99 del Milan da meritare di essere inseriti nella TOP 11 della Serie A. Si tratta di Gianluigi Donnarumma e Rafael Leao. Il primo lo conosciamo bene, ormai da anni è ai vertici della sua categoria, pur senza quell’esperienza internazionale che si richiede ai campioni. Sul secondo ci sono molti più dubbi.

Il portoghese è arrivato la scorsa estate in Italia e ha avuto non pochi intoppi nel corso della sua esperienza. Prima partito in panchina, poi ha fatto qualche settimana da titolare in ruolo, ancora messo da parte. Poi nel 2020 il cambio di rotta: l’arrivo di Zlatan Ibrahimovic, che sembrava avesse messo nel mirino Rafael Leao come suo ‘prediletto’. È stato così (o almeno è sembrato lo fosse) per qualche settimana, poi i piani sono cambiati. Ad oggi Leao resta una promessa, che potrebbe esplodere sì, ma come no.

Su Gigio Donnarumma invece ci sono molti meno dubbi. È già un campione, e non solo perché guadagna come tale. Ma perché in campo lo ha dimostrato. Purtroppo un portiere, seppur fenomenale, non segna. E quindi non riesce a trascinare la squadra. Sul suo futuro si è parlato tanto, in passato e anche adesso. Se resterà al Milan anche la prossima stagione e nel lungo futuro, non è dato sapere.

Intanto, a proposito di Ibra, prosegue la sfida social tra lui e Paul Pogba: ecco l’ultimo video >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy