Spalletti: “Voglio tornare ad allenare. Retroscena su Totti e Inter”

MILAN NEWS – Ecco l’intervista a Luciano Spalletti, rilasciata a Sky Sport. L’ex allenatore dell’Inter è stato a lungo accostato al Milan: le sue parole

di Giacomo Giuffrida, @GG_Giuffrida
Luciano Spalletti

NEWS MILAN – Le dichiarazioni di Luciano Spalletti ai microfoni dei colleghi di Sky Sport. L’allenatore, attualmente senza una squadra, ha ricordato le sue esperienze passate e parlato anche del suo futuro. Da tempo il suo nome viene anche accostato alla panchina del Milan, prima che il progetto Ralf Rangnick prendesse il sopravvento.

Sul suo futuro: “Io voglio tornare ad allenare”. Mentre sull’accostamento alla Fiorentina: ” Iachini ha le carte in regola per far bene e ha fatto vedere che può arrivare anche in zone europee. Da simpatizzante viola, dico che i vertici della Fiorentina hanno capito che per fare questo matrimonio ci sarebbe un problema e menomale si sono accorti solo di quello (ride ndr)”.

Sulla ripresa della Serie A e sul coronavirus: “Stiamo parlando del più grande infortunio di massa della storia del calcio e dello sport. I calciatori sono stati obbligati a fermarsi all’improvviso come succede per un infortunio muscolare. È chiaro che poi qualunque soluzione verrà adottata per finire il campionato farà dei contenti e degli scontenti. Quando si devono cambiare le cose in corsa non esistono soluzioni eque per tutti. Io penso che bisognerà tornare a giocare mettendosi le mani sul cuore perché la gente vuole vedere il calcio. Io sarei contento di veder ripartire il nostro campionato. Andrà fatto pensando a quanto ha sofferto la gente e al fatto che il calcio è lo strumento più forte per l’intrattenimento delle persone. Nei limiti della sicurezza dobbiamo pensare anche a loro”.

La qualificazione in Champions League con l’Inter: “Non so come valutate la mia storia all’Inter, ma il raggiungimento della Champions, dopo la vittoria del campionato, è l’obiettivo più importante, escludendo una possibile finale di Champions. È superiore a vincere una Coppa Italia. Se si chiede cosa avrebbero preferito chi ha vinto la Coppa Italia sicuramente ti dirà lo stesso, non ti dà trofei ma ti porta a giocare nella competizione più bella del mondo”.

Il rapporto con Francesco Totti: “Sempre stato me stesso sia nella fase 1 sia 2 come ha detto lui. Per me contano gli obiettivi della squadra e devo cercare tutte quelle cose che mi fanno avere una classifica importante perché anche la Roma in quegli meritava fissa in Champions League. In generale con lui ho avuto un buon rapporto, per me contano sempre prima i risultati della squadra. Sono successe cose che i miei comportamenti fossero differenti ma sempre mettendo al primo posto i risultati della squadra. Gli auguro una grande carriera da manager”.

Intanto primo affare del Milan in difesa, su consiglio di Ralf Rangnick >>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy