Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

MILAN NEWS

Milan, Vitiello: “Il rinnovo di Theo Hernandez è già fatto. Su Kulusevski…”

Milan, Vitiello: "Il rinnovo di Theo Hernandez è già fatto. Su Kulusevski..." (screen rr)

Antonio Vitiello, noto giornalista, ha rilasciato delle dichiarazioni in merito ai movimenti di mercato del Milan

Enrico Ianuario

Intervenuto ai microfoni di 'Radio Rossonera', Antonio Vitiello ha parlato dei movimenti di mercato del Milan. Questo il suo intervento.

Sui movimenti in difesa: "La verità è che il Milan sta lavorando al grande colpo per giugno. La sensazione è che il Milan non voglia prendere parte del budget destinato al grande colpo in estate per 'sprecarlo' ora a gennaio. Per questo, al massimo, se il Milan dovesse acquistare un difensore spenderebbe 5 milioni. Ecco perché lo Schalke sta rifiutando l'offerta per Thiaw. Quindi al momento chiedono 8-10 milioni. Difficilmente credo che il Milan faccia un rilancio. Se il Milan vuole fare il colpo in estate, quindi riservare a questo grande nome ovvero Botman per il mercato di giugno un buon budget non vorrebbe andare rosicchiare. Ma c'è anche la possibilità che il Milan non acquisti nessuno o aggregare un giovane nella rosa di Pioli. Io credo che ci stiano ancora lavorando sul difensore, ma non c'è l'assillo di andare a prendere. Non c'è l'esigenza, in dirgenza c'è un solo nome: Botman. Se c'è la possibilità di fare un giovane interessante in queste ore a cifre basse ok, altrimenti destiniamo il budget in estate. Budget per la difesa, attenzione, perché il Milan dovrà fare assolutamente altre operazioni in attacco a centrocampo. Il mercato estivo credo che sarà un bel mercato".

Su Belotti, Sanches e Botman: "Su Beloti non ho grandi conferme, non è una pista calda. Su Sanches ho delle conferme ma i lavori non sono così avanti. Per Botman, mi hanno confermato che il Milan lo vuole prendere. E' possibile che tra febbraio e marzo si arrivi ad un accordo 'stile Maignan' per arrivare in estate già pronti".

Su Bremer: "Al momento sì, per questione anche di caratteristiche. Secondo la dirigenza, Botman si sposa meglio con le caratteristiche di Tomori .Loro vogliono creare questa fantastica coppia di difesa, con Maignan tra i pali, Theo e Calabria laterali. Poi, ovvio che se il Lille continua ad alzare le pretese e chiedere cifre enormi c'è la soluzione Bremer che piace molto, ma ha caratteristiche simili a Kalulu e Tomori".

Su un ritorno di Pobega a gennaio: "Non mi risulta. Nonostante il Torino abbia preso dei giocatori a centrocampo, nonostante non abbia giocato tanto anche per motivi extra campo. Non so se il Torino lo aveva annunciato, ma ha avuto il Covid per questo ha giocato poco. Da quello che ci risulta, il Milan non dovrebbe fare operazioni a centrocampo. E' tornato Bennacer, è tornato Kessié un po' ammaccato ma non dovrebbe essere nulla di grave quindi in teoria da qui fino alla fine sella stagione sei coperto. Hai Tonali, Kessie, Bennacer, all'occorrenza Krunic e Bakayoko. Prendere Pobega adesso non ha molto senso, probabilmente bisognava prenderlo il primo di gennaio per questo mese un po' più complicato. Prenderlo ora non ha senso, lo lasci al Torino fino al termine della stagione e lo riporti alla base e lo valuti a Milanello durante il ritiro estivo".

Su Kulusevski: "Oggi ho indagato. A me hanno detto che è molto difficile, ma c'è da dire un altro particolare. Castillejo sta trattando con il Valencia, non ci sono solo Betis ed Espanyol. La trattativa è reale tra Milan e Valencia, ma il Valencia vuole un prestito secco, il Milan vuole inserire un diritto di riscatto. Si tratta, ma la domanda è: se esce Castillejo, il Milan farà qualcosa in quel reparto? Sta mattina non mi hanno detto 'no, è impossibile', ma 'difficile'. Se uno mi dice che è difficile, io penso che ci sia ancora un minimo di margine. Però bisogna capire quando uscirà Castillejo perché se mi esce il 31 gennaio ovvio che non si può far nulla. Se tra oggi e domani si trova l'intesa con il Valencia, allora inizia a crederci un po' di più. Intriga sicuramente, ma non so se la Juve va a prestare un giocatore ad una diretta concorrente per i primi quattro posti perché poi va a fare la corsa contro Milan, Napoli e Atalanta, l'Inter la lascio un po' più avanti. Mi sembra un po' strana come operazione però nel mercato ne abbiamo viste di tutti i colori quindi non dico mai impossibile a nessuna trattativa".

Come sta Kessié con la maglia del Barcellona?: "Malissimo (ride, ndr). Quando c'è un giocatore del genere, a parametro zero, ma vuoi che le top squadre europee non si informino su Kessié? Tottenham, Liverpool, Manchester United, PSG, Real e Barcellona come minimo vanno a parlare con il procuratore di Kessié. Io penso che col Barcellona ci sia qualcosa in più rispetto alla semplice chiacchierata. Da febbraio, Kessié tecnicamente potrebbe anche cominciare a firmare un pre contratto con l'altra squadra che lo vorrebbe prendere a parametro zero in estate. Quindi le chance di rimanere al Milan sono basse, purtroppo".

Su Romagnoli: "Romagnoli leggermente più alte, ma ho saputo che l'offerta al ribasso del Milan è meno della metà di quello che guadagna attualmente. Quindi lui si ritroverebbe a guadagnare una cifra sì importante intorno ai 3 milioni, ma tu Romagnoli accetteresti di rimanere al Milan con uno stipendio dimezzato oppure andare alla Juve perché c'è Raiola che lo sposta lì? Sono tutte situazione da valutare, lui sta riflettendo sulla proposta del Milan ma sta guardando altre piazze".

Sui rinnovi di Theo, Leao e Bennacer: "Il rinnovo di Theo Hernandez è già fatto. Si tratta solo di annunciarlo. Non dico entro gennaio, ma siamo vicinissimi all'annuncio con il comunicato. Guadagnerà 4 milioni più bonus fino al 2026, lui si sente davvero un pilastro di questa squadra. Ha sposato il progetto, è un segnale a tutto l'ambiente. Questo è il rinnovo più importante dopo tante delusioni. Kjaer mi puoi rinnovare perché hai 32-33 anni, Saelemaekers, con tutto il rispetto, non è ancora un top, e il primo vero rinnovo importante è Theo Hernandez. Quindi, secondo me, è un rinnovo che dà un segnale anche agli altri calciatori. Leao e Bennacer magari firmano un pochino più in là, ma comunque firmeranno anche loro. Leao? Credo di sì perché c'è tanto ottimismo attorno a questi tre nomi che ho appena citato. Quando vengono citati in casa, leggo fiducia e ottimismo nei rinnovi. Per Kessié e Romagnoli molto meno, si nota la differenza tra un rinnovo e l'altro". Milan, le top news di oggi: nuovo infortunio. Kulusevski nel mirino.

Le ultime notizie sul Milan anche su Google News: CLICCA QUI E SEGUICI

tutte le notizie di