news milan

PRIMAVERA – Urla, cori, gioco e…la grande rimonta rossonera

La Primavera di Mister Brocchi (Pianetamilan.it)

Una striscia perfetto: dopo un avvio difficile, il Milan Primavera ha iniziato a volare, battendo anche l'Atalanta,scavalcandola. Ora ci si può divertire...

Luca Fazzini

"La gente come noi non molla mai". Il celebre coro cantato spesso dai tifosi di tutta Italia sta diventando sempre più il motto del Milan Primavera, che domenica - al termine della sfida contro l'Atalanta- ha cantato il coro in spogliatoio dopo la quinta vittoria consecutiva in campionato. Un filotto di vittorie che arriva dopo un periodo iniziale di assestamento, con i due nuovi gruppi ('97-'98) e molti ragazzi alla prima esperienza in Primavera. Acquisita la confidenza necessaria, i rossoneri hanno iniziato a produrre gioco e a scendere in campo con grande tecnica, qualità, ma soprattutto grinta come sottolineato anche da Brocchi proprio domenica. E i protagonisti della vittoria sono stati gli uomini chiave di questo Milan: le parate di Plizzari, la spinta di Felicioli a sinistra, la guarda di Bordi e De Santis (difensore con il vizio del gol), l'importanza di El Hilali e Gamarra a centrocampo, e la coppia da gol Vassallo-Cutrone davanti.

La grande vittoria di domenica è stata il simbolo e un punto di svolta importante. Sancisce la fine di questa rimonta importante, ma allo stesso tempo dà il via alla nuova stagione milanista, che ora vive con molte meno pressioni e più sicurezze. Il primo punto è il carattere: davanti a moltissimi ultrà atalantini e su un campo difficile, i rossoneri hanno giocato una partita goliardica, coraggiosa e combattiva, anche senza il leader Locatelli, convocato in Prima Squadra. Il secondo aspetto è il gioco: territorialmente, gli ospiti hanno nuovamente dimostrato di possedere grande tecnica, che sta confluendo in un grande coro grazie ad un notevole gioco di squadra: tre gol in 30' per chiudere la pratica Atalanta. L'ultimo punto è proprio l'importanza della vittoria: vincendo a Zingonia, i ragazzi di Brocchi si sono portati a quota 33 punti, scavalcando gli stessi uomini di Bonacina.

Ora, la stagione rossonera può continuare su questa direzione importante: tra un mese circa c'è il torneo di Viareggio, dove i baby-rossoneri possono dire la loro e provare a bissare il successo di due anni fa. Il secondo obiettivo importante è invece quello delle Final Eight, da raggiungere possibilmente in maniera diretta, qualificandosi tra le prime due del girone. Una crescita costante, un 2016 fin qui perfetto: il Milan Primavera non ha intenzione di fermarsi sul più bello.

Potresti esserti perso