Milan, rivoluzione in arrivo: il punto

Milan, rivoluzione in arrivo: il punto

La sconfitta in finale di coppa apre scenari rivoluzionari in casa Milan: bisogna, però, ripartire dal blocco italiano ed aggiungervi giocatori di livello

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Alessio Romagnoli Milan

Dopo la sconfitta, beffarda, maturata ai tempi supplementari in finale di Coppa Italia contro la Juventus, in casa Milan è giunto il momento di leccarsi le ferite. Terzo anno di fila fuori dalle coppe europee, e la forte necessità di dover fare piazza pulita per ripartire, nuovamente da capo. Sperando, questa volta, di indovinare il giusto percorso verso la rinascita di una squadra gloriosa ma che da troppo tempo naviga nella mediocrità.

Secondo quanto riportato quest’oggi da ‘Tuttosport’, a Milanello è in programma una vera e propria rivoluzione: in difesa, lasceranno il club di Via Aldo Rossi il giovane brasiliano Rodrigo Ely, Philippe Mexés ed Alex, mentre è in dubbio il futuro di Mattia De Sciglio, ieri sera finalmente tornato ai livelli che potrebbero, e dovrebbero, competergli. A centrocampo, non sarà confermato Kevin-Prince Boateng, mentre rischiano il ‘taglio’ anche Andrea Poli ed Andrea Bertolacci con Giacomo ‘Jack’ Bonaventura’ il quale, per il quotidiano torinese, ha voglia di grandi palcoscenici. In attacco, invece, Luiz Adriano e Jérémy Ménez sono sicuri partenti, mentre, su Carlos Bacca (richiestissimo in Europa ed in Cina), M’baye Niang e Mario Balotelli ci sarebbe un grosso punto di domanda.

Per Alessandro Sugoni, giornalista di ‘Sky Sport’, però, il Milan ha un gruppo di giovani dal quale bisogna, doverosamente ripartire in ottica futura. E la sua affermazione, ovviamente, ci trova d’accordo. Dato per scontato il rinnovo del capitano, Riccardo Montolivo, già raggiunto sulla base di un triennale, il nuovo, rivoluzionato Milan non potrà, e dovrà, fare a meno di gente come Gianluigi Donnarumma, Davide Calabria, Alessio Romagnoli che possono rappresentare un’ottima base di partenza per il futuro. A questi, ovviamente, andranno aggiunti dei giocatori in grado di far compiere il salto di qualità alla squadra rossonera: a Silvio Berlusconi o, eventualmente, alla nuova proprietà cinese, è demandato l’arduo compito.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Coppa Italia – Berlusconi si è complimentato con la Juventus per la vittoria

Euro 2016, domani convocazioni per il secondo raduno dell’Italia

Calabria, delusione social: “Ci abbiamo provato fino in fondo”

Brocchi…attapirato: “Soddisfatto da ieri sera, ho qualche chance di restare”

Montolivo: “Vogliamo ripartire da qui, con determinazione e voglia”

Calciomercato – Sassuolo su Calabria: chieste informazioni al Milan

Panchina Milan, in ascesa le quotazioni di Unai Emery

Di Stefano: “Berlusconi verso il sì, mercato concordato con i cinesi”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy