news milan

Milan, Niang studia da prima punta: l’idea stuzzica Montella

M'baye Niang, attaccante del Milan (credits: GETTY Images)

M'baye Niang in estate era stato provato da centravanti. Poi, la mancata partenza di Carlos Bacca ha rinviato il progetto di Vincenzo Montella. Ora, però...

Daniele Triolo

"

"In estate, il 30enne centravanti colombiano Carlos Bacca è stato molto vicino alla partenza. La ricca offerta pervenuta dal West Ham, 30 milioni di euro, era stata accolta di buon grado dal Milan, convinto che, con i proventi della cessione dell'ex bomber del Siviglia, avrebbe potuto finanziare la propria campagna acquisti. Anche perché il sostituto di Bacca i rossoneri, effettivamente, già l'avevano in casa: M'baye Niang.

"Con Bacca impegnato in Coppa America con la sua Nazionale, infatti, Vincenzo Montella aveva provato Niang, più volte, durante le amichevoli precampionato, in posizione di centravanti. Ottenendo, tra l'altro, discreti risultati (si ricorderà il gol in contropiede al Bayern Monaco di Carlo Ancelotti). Bacca, poi, è rimasto, ed a Niang non è rimasto altro che traslocare sul versante sinistro del tridente d'attacco. L'idea, però, di un Niang 'vero nove', non è mai stata abortita, tanto dal tecnico quanto dal calciatore.

"Secondo quanto riportato oggi da 'Tuttosport', questa ipotesi potrebbe essere presto ripresa in considerazione, vista la difficoltà di Bacca a trovare la via del gol, con l'avanzamento di Giacomo 'Jack' Bonaventura in attacco e l'inserimento, in mezzo al campo, del palleggiatore cileno Mati Fernández, jolly fortemente voluto in squadra proprio da Montella. Tale schieramento, tra l'altro, si è visto per pochi minuti anche in occasione del derby di Milano. Per l'immediato presente, è un'idea. Per il futuro, invece, una concreta possibilità, soprattutto se dovessero verificarsi le cessioni di Luiz Adriano e di uno tra Gianluca Lapadula e lo stesso Bacca.

"TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

"SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Google Plus /// Telegram

tutte le notizie di

Potresti esserti perso