Flamini: “Perché al Crystal Palace? Incontrare Pardew ha fatto la differenza”

Flamini: “Perché al Crystal Palace? Incontrare Pardew ha fatto la differenza”

Mathieu Flamini, ex centrocampista rossonero, da ieri è ufficialmente del Crystal Palace: le sue prime parole da giocatore delle ‘Eagles’

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Mathieu Flamini, classe 1984, centrocampista del Milan dal 2008 al 2013 (122 partite e 8 reti) è stato annunciato ufficialmente ieri dal Crystal Palace, che lo ha messo sotto contratto a parametro zero dopo la fine della sua seconda esperienza con l’Arsenal. Ieri, il giocatore francese ha parlato al sito ufficiale delle ‘Eagles’: “Avevo molte differenti opportunità, ma per me il Crystal Palace è una bella sfida – ha dichiarato Flamini -. E’ un club molto stabile, ha una squadra ambiziosa, con grandi giocatori, ed ho anche avuto la chance di incontrare il manager Alan Pardew, e questo ha fatto la differenza. Mi ha detto che dovrò lottare per il posto in squadra: sono parte di un ottimo team e di un gruppo ambizioso. Mi ha detto che conterà su di me, che vuole che prenda in mano le redini del gruppo e divenirne parte quindi il prima possibile. Come ho detto prima, è una sfida molto interessante – ha proseguito Flamini -, i proprietari hanno obiettivi ambiziosi, il che vuole dire che è molto eccitante. Farò di tutto per portare la mia esperienza in squadra il prima possibile, e non vedo l’ora di iniziare a giocare con i compagni. Yohan Cabaye? L’ho incontrato qualche volta, è un gran giocatore e non vedo l’ora di giocarci accanto. Ho mantenuto la forma fisica, ma ora devo ritrovare il ritmo in allenamento: lavorerò sempre più duro. Il mio ruolo in campo? Sono abituato a giocare nel centrocampo a quattro, il mio ruolo è proteggere la difesa, così mi concentro sul recuperare i palloni”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Milan, orgoglio Romagnoli: “Europa obbligatoria: tifosi, fidatevi”

Verso l’Udinese – Focus centrocampo, tra squalifiche e infortuni …

Bacca, è lui il leader del Milan: grande feeling con Montella e Caccia

Profiling Bernardeschi – Un ‘dieci’ tutta tecnica e duttilità

Milan-Udinese, Bonaventura provato nel tridente: in mezzo Sosa e Pasalic

SEGUICI:

Su Facebook

Su Twitter

Su Google Plus

Su Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy