Milan, niente da fare per l’arrivo di Rugani: le ragioni del ‘no’ della Juventus

Daniele Rugani, nel novero dei possibili sostituti dell’infortunato Mattia Caldara, resterà a Torino: le motivazioni di un affare che non si farà

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Il Milan, alle prese con la sostituzione degli infortunati Mateo Musacchio e Mattia Caldara, a gennaio dovrà tornare sul mercato per reperire almeno un difensore centrale. Nel novero dei possibili sostituti dell’ex atalantino, in particolare, era anche spuntato negli ultimi giorni il nome di Daniele Rugani, classe 1994, di proprietà della Juventus, che proprio con Caldara avrebbe dovuto rappresentare il futuro della difesa bianconera prima del trasferimento di quest’ultimo al Milan.

Bene, secondo ‘calciomercato.com‘, Rugani può essere eliminato dalla ‘lista della spesa’ di Leonardo, responsabile dell’area-tecnico sportiva del Milan, in quanto avrebbe appena trovato l’accordo con la Juventus per un prolungamento dell’attuale contratto (scadenza 30 giugno 2021) di altre tre stagioni, con un ingaggio che arriverebbe a toccare i 2,8 milioni di euro netti a stagione. Scelta, quella della Juventus, per il presente e per il futuro.

Difficile, poi, pensare che Rugani possa lasciare la Juventus per il Milan in prestito. Inoltre, secondo quanto filtra da ambienti vicini alla società di Corso Galileo Ferraris, la Juventus, già ‘scottata’ dalla cessione di Caldara, ‘conditio sine qua non’ per il ritorno in bianconero di Leonardo Bonucci, avrebbe deciso di fermare, per il momento, le operazioni di mercato con il club di Via Aldo Rossi congelando, di fatto, anche la possibile partenza del difensore marocchino Medhi Benatia verso Milano.

INTANTO, DALL’INGHILTERRA, INTERMEDIARI HANNO PROPOSTO UN DIFENSORE AL MILAN. CONTINUA A LEGGERE >>>

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy