PM – Milan, per il centrocampo avanza Paredes: il punto

Leandro Paredes sembra essere il prescelto del Milan per rinforzare il centrocampo a gennaio. Ecco quanto costerebbe l’argentino dello Zenit

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Non soltanto Lucas Paquetá. Nel mercato di gennaio, quello che una volta veniva definito ‘di riparazione’, il Milan cercherà di portare a casa almeno altri due-tre acquisti. L’infortunio di Mattia Caldara, infatti, renderà necessario l’arrivo di un altro difensore centrale (clicca qui per i nomi al vaglio in Via Aldo Rossi) ed il passaggio al modulo a due punte costringerà i dirigenti rossoneri ad acquisire un nuovo attaccante: Zlatan Ibrahimović resta sempre il favorito.

Presumibilmente, però, il Diavolo interverrà anche per irrobustire il proprio centrocampo: al di là dei titolarissimi Franck Kessié, Lucas Biglia e Giacomo ‘Jack’ Bonaventura, infatti, le alternative, fin qui, non hanno convinto (Tiémoué Bakayoko), non sono state giudicate all’altezza della situazione (Andrea Bertolacci, José Mauri) o, addirittura, messe ai margini del progetto tecnico di Gennaro Gattuso (l’ex capitano Riccardo Montolivo).

Pertanto, ovviamente compatibilmente con i parametri UEFA sul Fair Play Finanziario (particolare, questo, sottolineato a più riprese da Leonardo, responsabile dell’area tecnico-sportiva del Milan), tra un paio di mesi a ‘Casa Milan’ dovrebbe essere accolto e presentato anche un ulteriore elemento per la mediana. In questi giorni vi abbiamo parlato molto di un tentativo del Milan per Aaron Ramsey, 28enne centrocampista in scadenza di contratto con l’Arsenal.

Il gallese, che potrebbe giungere in rossonero ‘sponsorizzato’ dal nuovo amministratore delegato del club meneghino, Ivan Gazidis, ex CEO proprio dei ‘Gunners’, però, sfruttando, per l’appunto, la sua condizione di giocatore in regime di svincolo sembrerebbe intenzionato a chiedere un ingaggio piuttosto alto, che oscilla tra gli 8 ed i 9 milioni di euro a stagione. Troppi per un Milan, sotto la lente di ingrandimento della UEFA, che riserva quella cifra solo a Gonzalo Higuaín.

A questo, andrebbero aggiunte le commissioni per gli agenti di Ramsey. Insomma, l’operazione sarebbe a costo zero soltanto sulla carta. Ecco perché il Milan si sta indirizzando sempre di più su Leandro Paredes, classe 1994, argentino in forza allo Zenit, con un passato nel nostro campionato, dove ha indossato le maglie di Empoli e Roma. Paredes, seguito da tempo dai rossoneri (piaceva sia alla dirigenza Fininvest sia a quella cinese), vuole lasciare la Russia il prima possibile e l’Italia, nella fattispecie il Milan, per lui rappresenterebbe un’ottima soluzione.

Per l’argentino, il Milan dovrebbe mettere in preventivo una spesa tra i 25 ed i 28 milioni, di poco superiore a quello che lo Zenit spese per prelevare Paredes dalla Roma (23 milioni più 4 di bonus) e riconoscergli un ingaggio intorno ai 3,5 milioni di euro, ovvero lo stipendio, per esempio, di un titolare fisso e imprescindibile come Lucas Biglia. Il costo del cartellino, vista la giovane età del calciatore, si ammortizzerebbe bene negli anni, e l’ingaggio non peserebbe poi così tanto sulle casse del Milan, che dovrebbe privarsi di stipendi onerosi e superflui nei prossimi mesi.

Paredes, oltretutto, nel Milan potrebbe sostituire tanto una mezzala quanto lo stesso Biglia in cabina di regia. Insomma, un investimento oculato, di prospettiva, per una squadra che punta a tornare presto vincente.

SEMBRA, INTANTO, DEFINITIVAMENTE TRAMONTATA LA PISTA CHE AVREBBE PORTATO RABIOT AL MILAN. PER I DETTAGLI, CONTINUA A LEGGERE >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy