Calciomercato – Conte blocca Cuadrado, ma lui vuole l’Italia

Calciomercato – Conte blocca Cuadrado, ma lui vuole l’Italia

Conte sta provando in tutti i modi a trattenere Cuadrado, che però spinge per il trasferimento in Italia. Il Milan osserva interessato.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

Pochi dubbi: Antonio Conte punta molto su Juan Cuadrado al Chelsea. L’ex ct della Nazionale ha sempre visto nel colombiano un giocatore ideale per le proprie idee di calcio. Ai tempi della Juventus è arrivato alla rescissione del proprio contratto anche perchè la società gli aveva spiegato fosse quasi impossibile, in quel momento, arrivare a Cuadrado. A Conte, però, non interessava. Cuadrado erano i 90 euro che si sarebbero sommati ai 10 già in tasca e che gli avrebbero consentito, secondo lui, di mangiare al famoso tavolo da 100 euro.

Adesso se lo ritrova in rosa a Londra e sta cercando in tutti i modi di trattenerlo. Ha detto chiaramente sia un giocatore utilissimo e che si augura resti. L’ex Juventus, però, non ha intenzione di restare al Chelsea e sudarsi un posto da titolare. Il Milan resta sulle sue tracce e proverà a sfruttare proprio questa volontà del giocatore che gradirebbe in modo particolare, secondo Tuttosport, il trasferimento in Italia. Da ricordare sempre i due fattori che potrebbero avvantaggiare i rossoneri: Vincenzo Montella, tecnico con cui Cuadrado ha dato il meglio, e Alessandro Lucci, procuratore oltre che del colombiano anche proprio dell’Aeroplanino, con cui Adriano Galliani ha ottimi rapporti.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Cessione Milan – Berlusconi ai tifosi: “Sono in attesa come voi”

Calciomercato – Milan, il borsino: Musacchio e Sosa in stand-by, Ménez se ne va

Il Milan delle incognite ha due baby-certezze: Donnarumma e Niang

ICC – Liverpool-Milan, previsti due cambi nell’undici rossonero

Montella: “Liverpool? Cambierò qualcosa ma voglio vincere”

SEGUICI:

Su Facebook

Su Twitter

Sulla nostra nuova ‘App’

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy