Milan, l’altro mercato: quanti acquisti per la Primavera

Milan, l’altro mercato: quanti acquisti per la Primavera

Il Milan si è mosso molto bene sul mercato estivo. Massimiliano Mirabelli, oltre la Prima Squadra, ha rinforzato anche la Primavera di Gennaro Gattuso

È stata un’estate ricca di acquisti quella del Milan, la prima targata Yonghong Li ed affidata alla sapiente conoscenza manageriale e calcistica dell’amministratore delegato Marco Fassone e del responsabile dell’area tecnica, Massimiliano Mirabelli. Undici nuovi arrivi messi a disposizione di Vincenzo Montella, una squadra intera, ma non soltanto. Già perché il nuovo management di Via Aldo Rossi, come dimostra il tentativo ‘last minute’ di portare a Milano gli attaccanti Pietro Pellegri ed Eddy Salcedo (entrambi 2001), sta già pensando al futuro immediato ed a come portare in rossonero giovani talenti dalla classe cristallina.

Sono stati molti gli acquisti effettuati in questo periodo anche per la Primavera, da questa stagione affidata ad una gloria rossonera, Gennaro Ivan Gattuso. L’ex numero 8 milanista, idolo di San Siro, può sorridere: ad un gruppo di per sé già molto valido tecnicamente e promettente, infatti, sono stati aggiunti l’esterno destro polacco Przemysław Bargiel (classe 2000) preso dal Ruch Chorzów, l’esterno offensivo portoghese Tiago Dias (1998), prelevato dal Benfica, nonché il centravanti norvegese Jörgen Strand Larsen (2000), arrivato dal Sarpsborg e, infine, il centrocampista offensivo Sergio Sánchez Gioya, un classe 1999 strappato addirittura alla ‘cantera’ del Real Madrid.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Tutte le nostre news di calciomercato

Tutte le nostre news sul settore giovanile rossonero

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. serzsoko_396 - 2 mesi fa

    E` questa la piu` grande novita` delle gestione dell`era Mirabelli-Fassone: lo sviluppo del settore giovanile non solo italiano. Bisogna puntare proprio su questo: prendere i giovani interessanti e farli crescere in casa, invece di pagarli a fior di milliardi dopo. Hanno peso dei giovani veramente interessanti, bravi, importante e` continuare su questa strada e non mollare…

    Da aggiungere un`altra cosa: oggettivamente in Italia far crescere i giovani per una squadra come il Milan e` problematico. Il campionato delle Primavere va bene, ma fino ad un certo punto: ci vorrebbe un campionato come in Spagna delle formazioni B delle squadre A, dove possono giocarci non solo i giovani, ma anche giocattori piu` anziani che non riescono a trovare spazio in prima squadra, o reduci da infortuni, o fuori forma, o altro. Cio` farebbe alzare il livello della squadra e farebbe si` che anche i giovani piu`promettenti potrebbero imparare di piu`…

    Cmq fino ad adesso stanno facendo un gran bel lavoro i due neodiregenti del milan. Copmlimenti e in bocca al lupo!! anzi, in bocca al Milan…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy