Alessio: “Conte vuole vincere: non escluderei il Milan”

Alessio: “Conte vuole vincere: non escluderei il Milan”

Angelo Alessio, e vice allenatore di Antonio Conte, ha parlato delle possibilità per il tecnico salentino: il Milan non sarebbe tagliato fuori dalla corsa

di Daniele Triolo, @danieletriolo
CALCIOMERCATO MILANAngelo Alessio, ex vice allenatore di Antonio Conte, ha rilasciato un’intervista a ‘TuttoMercatoWeb‘. Queste le dichiarazioni di Alessio:
Sul futuro di Conte: “Non credo che sia già scritto. Andrei cauto nel mandarlo di qui oppure di là. Perché secondo me si possono aprire diversi scenari. Al termine della stagione possono cambiare anche Paris Saint Germain e Barcellona. Lui non ha mai detto di no sulla possibilità di andare all’estero. Ma è ben chiaro che cerchi un progetto”.
Sulle ambizioni di Conte: “Lui vuole vincere, ha sempre gestito situazioni in cerca di un riscatto. Quindi ben venga la Juventus, ben venga anche l’Inter. Attenzione pure al Milan. Alla Roma oramai ha detto di no, rimangono quelle tre, in Italia”.
Su quando verranno sciolte le riserve: “In qualche giorno, non vorrei dire un’ora o due. Ci sono tante possibilità, basta che si sposti qualcuno, oppure venga esonerato, per far sì che le panchine girino. Quelli bravi come Conte, José Mourinho o Massimiliano Allegri sono cercati, si mette tutto in discussione”.
Sul fatto che Conte cerchi un vice: “Io e lui non abbiamo mai litigato, è stata una mia scelta, a cui pensavo già da un po’. Forse se avessimo continuato al Chelsea non ci avrei pensato, questa inattività invece mi ha fatto prendere questa decisione. Con un po’ di coraggio, ma dopo otto anni da assistente mi balenava l’idea di tornare da solo. Ho allenato Massese, Imolese e SPAL, prima al Napoli dei giovani…”.
Sull’esperienza di Alessio da allenatore: “Ho anche sostituito Conte, sia in campionato che in Champions League. Poi quando hai a che fare con Juventus, Nazionale e Chelsea, sei maturo. Spero di trovare una squadra, inserirsi non è semplice, anche io cerco un progetto”.
Sulla presenza di Conte ad Empoli: “Ma non credo che voglia chiedere ad Andreazzoli di fargli da vice, né che lui possa accettare. Si è disimpegnato molto bene con l’Empoli, immagino sia stata una visita di cortesia e aggiornamento. Anche io sono stato a Parma per due giorni. Ci sono alcune amicizie che si instaurano fra allenatori, di confronto personale”.
Sul rapporto ‘turbolento’ tra Conte ed Andrea Agnelli: “Tutti lo scrivono, ogni giorno ce n’è una. Poco fa leggevo che i rapporti non fossero buoni. Certo, l’ultimo giorno è stato turbolento, per come si sono lasciati e per come è andato via Antonio. Ma non credo che questo influisca sul riprenderlo o meno. I rapporti sono cordiali, si sono salutati diverse volte, anche in modo tranquillo e sereno. Quindi non metterei le cose in questo modo”.
Sulla possibile ‘minestra riscaldata’ alla Juventus: “Non credo rientri nella valutazione sul riprendere un allenatore. Ce ne sono tanti che sono ritornati e poi hanno vinto. Alla fine penso che possa anche rimanere Allegri, ma è una sensazione”.
Su cosa cambia tra Juventus e Nazionale: “In bianconero c’è stato un crescendo di esperienza e consapevolezza, abbiamo iniziato con un sistema di gioco diverso da quello poi diventato negli anni, il 3-5-2 come marchio. In Nazionale era un lavoro differente, potevi disporre dei giocatori per dieci giorni, ma lavorando duramente abbiamo instillato mentalità, filosofia e concetti pronti per l’Europeo…”.
Sul Chelsea: “Tranne le difficoltà dei primi due mesi, piano piano la squadra ha capito. Abbiamo vinto la Premier il primo anno, la FA Cup al secondo. Credo che il lavoro fatto sia stato eccellente, in un campionato molto competitivo, ulteriore riprova si ha avuta negli ultimi giorni con le due finaliste in Champions League”.
Sul ritiro del terzo anno a Londra: “E veniamo licenziati. Abbiamo fatto una settimana a Londra, a Cobham, senza alcuni giocatori del Mondiale e ci viene comunicato l’esonero”.
Su Marina Granovskaia: “Fa parte della società, prende molte decisioni”.
Sul rapporto di Conte con Giuseppe Marotta: “Ottimo, non vedo ostruzioni, capirei se volesse puntare su di lui. Tutte le ipotesi sono aperte, a questo punto. Credo che verranno fuori club blasonati, non solo in Italia. Vediamo cosa lo stuzzica di più”.
Sulla sua decisione di lasciare Conte a gennaio: “Anche per dare la possibilità ad Antonio di avere il tempo per trovare un sostituto. Paolo Bertelli è rimasto al Chelsea, non è ancora ufficiale che vada alla Roma. Però speravo che per me arrivasse una squadra prima, adesso è il momento, anche per la possibilità di programmare”.
Sul progetto che cerca ora Alessio: “Uno per misurarmi, a 54 anni penso sia il momento. Anche all’estero, dopo l’esperienza al Chelsea conosco l’inglese, credo di sapermela cavare anche con la lingua. Non è importante la categoria, può andare bene senz’altro anche la B”.
Su che tipo di allenatore è Alessio: “Per me, come per Conte, devi essere un buon sarto. Guardare quello che hai in casa e trovare la soluzione migliore, far rendere i tuoi giocatori al 100%, disegnare la squadra sui talenti”. Intanto, del prossimo allenatore del Milan, ha parlato, in maniera informale, il brasiliano Leonardo: continua a leggere >>>

FIORENTINA-MILAN IN ESCLUSIVA SU DAZN. PER VEDERLA GRATIS, CLICCA QUI!

HAI BISOGNO DI ULTERIORI INFORMAZIONI? VAI QUI

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy