Milan, ora dieci finali: contro la Sampdoria rialzare subito la testa

Milan, ora dieci finali: contro la Sampdoria rialzare subito la testa

Domani sera, a Genova, il Milan di Gennaro Gattuso è atteso da un confronto molto difficile. Sarà la prima di dieci finali per lo ‘Scudetto’ rossonero

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Appuntamento molto importante, domani sera, ore 20:30, per il Milan di Gennaro Gattuso allo stadio ‘Luigi Ferraris’ di Genova contro la Sampdoria di Marco Giampaolo (clicca qui per tutte le news sul match in tempo reale).

Il Diavolo, infatti, attualmente al quarto posto in classifica del campionato di Serie A, a -2 dal terzo posto occupato dai cugini dell’Inter, ed a +4 sulla Roma, prima diretta inseguitrice per la zona Champions League, sarà chiamato a reagire, dopo la sosta del torneo per gli impegni delle Nazionali, alla sconfitta maturata, in malo modo, nel derby di 15 giorni fa.

Gattuso, che oggi ha tenuto la conferenza stampa di presentazione del match al ‘Milanello Sports Center’ di Carnago (VA), non ha cercato alibi, addossandosi tutte le responsabilità della brutta battuta d’arresto nella stracittadina, sottolineando come abbia sbagliato lui a chiedere alla squadra di andare a pressare alto l’Inter e, in sostanza, di aver chiesto ai propri giocatori di snaturare le loro caratteristiche.

Il k.o. nel derby della Madonnina, fortunatamente, non ha pregiudicato (quasi) nulla per quello che, necessariamente, parola del Presidente rossonero Paolo Scaroni, dovrà essere l’obiettivo del club di Via Aldo Rossi: la qualificazione alla prossima edizione della Champions League. Contro la Sampdoria, sarà obbligatorio, per il Diavolo, rialzare la testa ed uscire da ‘Marassi’, casa del capocannoniere del torneo, Fabio Quagliarella, con tre punti fondamentali e pesanti.

“Voglio vedere il solito Milan che non fa regali. Contro l’Inter non abbiamo capito nulla. Dobbiamo tornare ad essere la squadra che si è vista negli ultimi mesi, meno bella, ma che non soffre gli avversari”, ha detto, a tal proposito, Gattuso, il quale, poi, anche un po’ infastidito dalla volontà dei cronisti di tornare a parlare del derby, ha ricordato alla stampa come, attualmente, la sua squadra sia perfettamente in linea con la tabella di marcia di inizio stagione.

“Faccio sempre i soliti discorsi, a volte anche mi stufo. La sconfitta nel derby è stata una mazzata, una sconfitta che brucia, ma abbiamo il dovere di andare avanti – ha sentenziato il tecnico rossonero -. Noi siamo primi per il nostro Scudetto: mancano 10 partite, e ci stiamo giocando il nostro Scudetto, il posto in Champions League”. Vincere a Genova, tra l’altro, sarebbe una bella iniezione di fiducia per un Milan che sarà atteso da un aprile di fuoco.

Juventus allo ‘Stadium’, Lazio (due volte, Coppa Italia compresa), trasferte a Parma e Torino (sponda granata): se il Diavolo vorrà tornare a sentire la musichetta delle grandi notti di Champions, adesso è arrivato il momento di cominciare a giocare duro. Per le dichiarazioni integrali di Gattuso in conferenza, continua a leggere >>>

SAMPDORIA-MILAN IN ESCLUSIVA SU DAZN. PER VEDERLA GRATIS, CLICCA QUI!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy