Pellegatti: “Devono dirci cosa vogliono fare con il nostro Milan” (VIDEO)

Pellegatti: “Devono dirci cosa vogliono fare con il nostro Milan” (VIDEO)

Carlo Pellegatti, giornalista sportivo e tifoso rossonero, arrabbiato e preoccupato all’indomani del derby perso, 2-4, contro l’Inter: le sue dichiarazioni

di Daniele Triolo, @danieletriolo

NEWS MILANCarlo Pellegatti, giornalista sportivo e tifoso rossonero, si è detto arrabbiato e preoccupato all’indomani del derby perso, 2-4, dal Milan di Stefano Pioli, in vantaggio 2-0 dopo 45′, al cospetto dell’Inter di Antonio Conte. Ecco il video pubblicato da Pellegatti sul suo canale ufficiale di ‘YouTube‘.

“Dopo un derby perso così in me ci sono rabbia e preoccupazione. Mi devono dire se hanno intenzione che il Milan diventi, a livello di ambizioni e prospettive, la seconda squadra di Milano. Sarebbe una cosa molto triste. Il mercato di gennaio non ha rafforzato il Milan. Meno male che è arrivato Zlatan Ibrahimovic, ma che fatica per riportarlo a Milanello. Forse ci è voluto il 5-0 di Bergamo per convincere la dirigenza a prendere un giocatore di personalità come Ibra. Adesso ci devono rassicurare sul futuro del Milan”.

“Con tanti buoni giovani non si va da nessuna parte – ha proseguito Pellegatti -. Nelle ultime settimane si parla di una differenza di vedute nella dirigenza milanista durante il mercato invernale: Paolo Maldini e Zvonimir Boban volevano Federico Bernardeschi, mentre altri dirigenti hanno bloccato tutto per il costo del giocatore. Smentite non ne sono arrivate. Bisogna capire cosa vogliono fare con il nostro Milan, devono dirci qualcosa. I tifosi del Milan sono tristi e delusi, ma nonostante ciò sono sempre presenti. Sono totalmente innocenti in questa situazione, ai tifosi milanisti non si può imputare nulla. Qualcuno deve parlare in questa settimana, vogliamo sapere quale sarà il futuro del Milan”.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy