Rossoneri in Russia: un Mondiale per rinascere

Rossoneri in Russia: un Mondiale per rinascere

Anche in assenza dell’Italia, sono tanti i tesserati del Milan che sfrutteranno il Mondiale in Russia per rilanciarsi in vista della prossima stagione

di Giovanni Calenda

RICARDO RODRIGUEZ

Il terzino sinistro del Milan è stato uno dei primi acquisti del mega mercato della scorsa estate, pagato 15 milioni al Wolfsburg. L’inizio di stagione lasciava ben sperare sulla sua crescita. Subito decisivo nella prima gara stagionale nei preliminari di Europa League, segnando il primo gol contro il Craiova (0-1), e nella prima fase del campionato, trovando il gol alla quinta giornata (Milan-Spal 2-0). Montella ha avuto subito fiducia in lui, schierato sia come terzino nella difesa a 4, sia come esterno nel centrocampo a 5. Eppure col passare del tempo non si è assistito ad alcun salto di qualità dello svizzero: non si può certo dire che abbia deluso, ma sicuramente non ha brillato. Insomma, racchiudendo la sua stagione in un voto, offriremmo il classico ‘6’. Tutt’altro che negativa invece la preparazione al Mondiale. Nelle ultime due amichevoli è andato a segno due volte: prima contro la Spagna (1-1) poi nel successo contro il Giappone (2-0, su calcio di rigore). Ora lo attende un girone complicatissimo con Brasile, Serbia e Costa Rica.

VAI ALLA PROSSIMA SCHEDA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy