Milan, ultima chiamata in arrivo per Piatek e Rafael Leao

Milan, ultima chiamata in arrivo per Piatek e Rafael Leao

Stefano Pioli ha puntato prima su Rafael Leao e poi su Krzysztof Piatek, ma senza risultati. Serve una svolta: o arrivano i gol, o si torna sul mercato

di Daniele Triolo, @danieletriolo

NEWS MILAN – Il ‘Corriere dello Sport‘ oggi in edicola ha ricordato come, se il Milan in questa stagione segni davvero poco (appena 11 gol in 12 giornate di campionato), il motivo principale è che non ha un bomber.

O meglio, pensava di averlo, con Krzysztof Piatek, ma l’attaccante polacco, dopo le tante reti segnate nella scorsa stagione tra Genoa e Milan, si è infilato in un tunnel dal quale sembra non sapere come uscire.

Già sul finire della passata stagione Piatek aveva segnato appena una rete nelle ultime 8 gare (a ‘San Siro‘ contro il Frosinone), palesando un evidente calo di rendimento: ora, in 12 partite, i gol all’attivo sono solo 3, di cui 2 su calcio di rigore.

Vero, ha evidenziato il quotidiano romano, che in tante partite non è stato adeguatamente alimentato dai suoi compagni di squadra, ma è altrettanto vero che lui stesso ha fallito tante occasioni ghiotte, come, per esempio, il colpo di testa da solo al centro dell’area di rigore allo ‘Stadium‘ contro la Juventus.

Non era scattato il feeling tra Piatek e Marco Giampaolo. Ma con l’arrivo di Stefano Pioli, va detto, la situazione non è migliorata di molto. Il nuovo allenatore, per altro, in avvio della sua esperienza rossonera non aveva puntato su di lui come titolare, bensì su Rafael Leao ed il portoghese, dopo qualche lampo contro il Lecce, si è via via eclissato.

Confinato in panchina nelle ultime gare, quando è entrato sul terreno di gioco lo ha fatto con l’atteggiamento sbagliato, inducendo l’allenatore ad esporsi, pubblicamente, nella richiesta di dare di più. In due, tra Piatek e Rafael Leao, hanno fatto appena 4 gol in 12 giornate: difficile risalire la classifica con questi numeri.

Ecco perché già il prossimo Milan-Napoli, chiunque sia a partire titolare, suona già di ultima chiamata per entrambi. Il mese di gennaio, infatti, bussa già alle porte e Paolo Maldini, Zvonimir Boban e Frederic Massara sono pronti a ritornare alla ricerca di un bomber vero, uno di quelli che faccia la differenza. Qualche idea in mente, la dirigenza milanista già ce l’ha: continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter/// Instagram/// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy