Montella preoccupato: “Se non vinco so di rischiare”

Montella preoccupato: “Se non vinco so di rischiare”

Vincenzo Montella, tecnico del Milan, alla vigilia della sfida di Europa League contro l’AEK Atene: “Vedo, però, una qualità di gioco sempre più alta”

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Stasera, ore 21:05, i riflettori dello stadio ‘Giuseppe Meazza’ in San Siro si accenderanno per Milan-AEK Atene: il palcoscenico è quello dell’Europa League, competizione in cui, finora, i rossoneri, hanno vinto tutte le gare disputate. Vincenzo Montella, nella conferenza stampa di presentazione del match, si è definito, secondo ‘La Gazzetta dello Sport’ oggi in edicola, un po’ come uno stilista.

Stiamo trovando l’abito giusto – ha infatti commentato Montella a proposito degli ultimi accorgimenti tattici sulla squadra -; in estate ci siamo rifatti il guardaroba. Ci siamo comprati calzini, giacche e pantaloni. Ora sto cercando di abbinare i vestiti, ma non stravolgeremo nulla”. Il tecnico rossonero è quindi tornato sulle ultime due sconfitte in Serie A contro Roma e Inter: “E’ successo qualcosa di anomalo, meritavamo almeno il pari entrambe le volte. Sono due partite che devono insegnarci ad avere ancora più rabbia, determinazione e convinzione. Nel derby il cinismo di Mauro Icardi ha fatto la differenza; Leonardo Bonucci invece paga caro qualsiasi errore, ma spero sia solo una casualità. Qualche aggiustamento va fatto ma, oggettivamente, nelle ultime due partite, seppur a sprazzi, era difficile giocare meglio con tanti giocatori nuovi”.

“Vedo una qualità sempre più alta di gioco e convinzione – ha proseguito quindi Montella -, ma per raggiungere livelli alti c’è bisogno di tempo. Anche il Manchester City di Pep Guardiola il primo anno è arrivato quarto dopo aver speso 200 milioni di euro. Ora loro hanno altre basi ed altre conoscenze”. Montella, però, ha concluso il suo intervento a Milanello con una buona dose di consapevolezza: quello di essere legato indissolubilmente ai risultati che otterrà in campo. “So bene che quando non arrivano i risultati sono a rischio. Però, qualsiasi cosa dovesse succedere, Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli hanno la mia totale stima”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Milan, sono André Silva e Cutrone i ‘Diavoletti d’Europa’

Amarcord – Milan-AEK Atene 2006, la magica notte di Gourcuff

Milan-AEK Atene, la probabile formazione rossonera

Milan-AEK Atene, i convocati di Montella: riecco Kalinic

Milan, i precedenti interni contro le squadre greche

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy