Milan, Piatek e una maledizione da sfatare: scelta la maglia numero 9

Milan, Piatek e una maledizione da sfatare: scelta la maglia numero 9

Ufficiale il cambio maglia per Krzysztof Piatek in vista della prossima stagione. Si tenterà di spezzare la maledizione della numero 9

di Renato Panno, @PannoRenato

ULTIME MILAN – Krzysztof Piatek è arrivato al Milan dopo il prematuro addio di Gonzalo Higuain direzione Chelsea. L’argentino sembravo potesse essere il giocatore buono per sfatare quella che si è trasformata in una vera e propria maledizione: quella del numero 9. Il polacco aveva dichiarato, già nel mese di gennaio, di voler indossarla ma è stato frenato dalla società un po’ per scaramanzia probabilmente, ma anche perché la 9 del Milan, a detta di Leonardo, andava conquistata sul campo. Dopo gli ottimi sei mesi in rossonero l’ha meritata e adesso toccherà a lui valorizzarla.

La ‘Gazzetta dello Sport’ ha effettuato una rassegna dei numero 9 del Milan post Filippo Inzaghi, l’ultimo giocatore in grado di valorizzarla al meglio. Nel 2012/2013 è toccato ad Alexandre Pato, un attaccante che aveva tutte le qualità per fare bene ma che invece ha conosciuto una parabola discendente non degna delle aspettative, lasciando il Milan dopo soli sei mesi dalla conquista della 9. Stessa sorte è toccata ad Alessandro Matri, di ritorno al Milan dopo le giovanili trascorse in rossonero. Dopo soli sei mesi e un solo gol all’attivo in 15 presenze, l’attuale giocatore del Sassuolo è stato girato in prestito alla Fiorentina. Nella stagione 2014/2015 entrambi i numeri 9, nella fattispecie Fernando Torres e Mattia Destro, non hanno lasciato la giusta impronta e hanno lasciato il Milan senza troppi rimpianti per i tifosi.

L’anno dopo è toccato a Luiz Adriano fallire con questo numero dal momento che il brasiliano ha segnato soltanto 4 gol in campionato dopo una serie di trofei vinti allo Shakhtar Donetsk. Nessun miglioramento nemmeno per Gianluca Lapadula, Andrè Silva e Gonzalo Higuain. Come accennato sopra, proprio il Pipita sembrava essere l’uomo giusto per scacciare questa singolare maledizione ma niente da fare: otto gol in rossonero dopo, l’argentino ha raggiunto Maurizio Sarri al Chelsea non lasciando il segno nemmeno in Inghilterra.

Adesso tocca a Krzysztof Piatek far dimenticare queste vicissitudini e iniziare un nuovo grande corso con addosso una maglia che merita di dare le giuste soddisfazioni sia a lui che ai tifosi. Intanto si allontana Dennis Praet, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy