Milan-AEK Atene, Cutrone avverte: “C’è tanta rabbia”

Milan-AEK Atene, Cutrone avverte: “C’è tanta rabbia”

Patrick Cutrone sarà titolare questa sera contro i greci in Europa League al fianco di André Silva. “Con due punte – confessa – attacchiamo meglio”

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Ieri pomeriggio, a Milanello, c’è stata la conferenza stampa di presentazione di Milan-AEK Atene, gara valevole per la terza giornata del Gruppo D di Europa League, in programma questa sera a San Siro alle ore 21:05. Insieme al tecnico Vincenzo Montella era presente, come giocatore, il 19enne centravanti Patrick Cutrone, il quale, oggi, sarà titolare nel 3-5-2 dei rossoneri contro i greci al fianco del portoghese André Silva.

Cutrone, che ha detto di ammirare, da sempre, lo spagnolo Álvaro Morata ma di ispirarsi, in Italia, al ‘Gallo’, Andrea Belotti’, ha avvertito tutti: il Milan vuole tornare a fare sul serio. “C’è molta rabbia, perché non meritavamo di perdere contro l’Inter – ha sottolineato il numero 63 del Diavolo, come si può leggere sull’edizione odierna di ‘Tuttosport’ -. Dopo ogni partita siamo abituati a pensare alla prossima, a far bene ed a reagire. E questo succederà soprattutto dopo la sconfitta di domenica nel derby, dopo un secondo tempo giocato molto bene”.

L’AEK, dunque, è avvertito. Cutrone ha voglia di gol, di fare bene e continuare a migliorarsi. Magari, anche con i consigli di Leonardo Bonucci (“E’ un leader per noi giovani, mi aiuta molto”, le sue parole a tal proposito). Intanto, però, il bomber classe 1998 mantiene i piedi ben saldi a terra, pur godendosi il suo personalissimo magic moment: “E’ un momento bellissimo della mia vita, speriamo continui così. Quando giochiamo con un’altra punta, Nikola Kalinić o André Silva, sappiamo tutti e tre i movimenti da fare. Con un trequartista è uguale per me, ma con il sistema che prevede due attaccanti puri, secondo me, abbiamo più possibilità di attaccare. Penso di non aver fatto nulla – ha chiosato Cutrone -, sono all’inizio del mio percorso. Devo pensare ad allenarmi bene, a migliorarmi ed a farmi trovare pronto”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Milan-AEK Atene, le probabili formazioni: Suso a centrocampo

Montella preoccupato: “Se non vinco so di rischiare”

Amarcord – Milan-AEK Atene 2006, la magica notte di Gourcuff

Milan-AEK Atene, i convocati di Montella: riecco Kalinic

Milan, i precedenti interni contro le squadre greche

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy