Fiorentina, l’entusiasmo di Montella: “Questa stagione può diventare storica”

Fiorentina, l’entusiasmo di Montella: “Questa stagione può diventare storica”

“La Gazzetta dello Sport”, in edicola questa mattina, ha riportato le dichiarazioni che Montella, neo tecnico della Fiorentina, ha rilasciato in conferenza

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

ULTIME MILAN – La Gazzetta dello Sport, in edicola questa mattina, ha riportato le dichiarazioni che Vincenzo Montella, neo tecnico della Fiorentina, ha rilasciato in conferenza stampa: “Bisogna riaccendere l’entusiasmo del mondo viola, velocemente. Non chiedetemi paragoni con la mia prima Fiorentina. Guardare al passato non mi piace. È vero, allora c’è stato un divorzio burrascoso ma, strada facendo, ci siamo chiariti da persone leali. Dobbiamo far tesoro di quel momento negativo. Se quando si arriva alla fine di un ciclo la società è convinta che un allenatore abbia esaurito la sua energia è bene essere chiari. Se siamo tutti uniti conquistiamo un punto in più. Parlo di proprietà, dirigenza, staff tecnico, giocatori, tifosi. Credo si possa aprire un ciclo. Il mio primo compito sarà ricreare energia positiva».

Come ha visto la squadra?

«Il mio è stato un confronto veloce. I cambi di allenatori scaricano i giocatori. Ho dato a tutti un giorno di tempo per adattarsi alla novità. Siamo pronti a ripartire. Voglio vedere giocatori decisi a determinare. Che non pensano al passato ma che guardano avanti».

Anche perché il 25 aprile ci sarà la semifinale di ritorno di Coppa Italia.

«Già, può darsi che una stagione particolare possa diventare storica. La Coppa Italia è importante ma ci sono anche sette partite di serie A. La sfida di Bergamo si prepara facendo bene in campionato».

Qual è il progetto futuro della Fiorentina?

«Ci vogliamo divertire. Come ci siamo divertiti in passato. In questa squadra ci sono giocatori di grande prospettiva. Si può incidere. Avevo altre opportunità ma ho scelto la Fiorentina perché sono convinto che ci siano le condizioni per fare bene».

La Fiorentina che non vive un momento facile.

«Nella precedente avventura mi ritrovai in ritiro quasi senza giocatori. Poi, facemmo molto bene. Qui c’è un materiale interessante. Ho visto in televisione molte partite della squadra viola. Prima di Natale questo gruppo era a pochi punti dalla zona Champions. Nella Fiorentina ci sono tanti giovani un po’ sensibili che hanno bisogno di essere sostenuti».

Cambierà molto rispetto al progetto tattico di Pioli?

«Non ho tempo per pagare dazio con gli stravolgimenti».

Per la terza volta si trova a lavorare con Muriel.

«E non ho mai avuto la possibilità di allenarlo un anno intero. Muriel ha potenzialità straordinarie ma deve trovare continuità nelle 38 partite. Può anche fare più gol. Però da quando gioca nella Fiorentina sta tenendo una buona media».

E Chiesa?

«È il giocatore che qualsiasi allenatore vorrebbe, perché ha voglia di crescere e si impegna per questo obiettivo in ogni allenamento». Intanto Suso potrebbe dire addio al Milan al termine della stagione. Continua a leggere >>>

MILAN-LAZIO IN ESCLUSIVA SU DAZN. PER VEDERLA GRATIS, CLICCA QUI!

HAI BISOGNO DI ULTERIORI INFORMAZIONI? VAI QUI

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy