Ordine: “Sicuri a Casa Milan che Ibrahimovic non serva alla causa?”

Ordine: “Sicuri a Casa Milan che Ibrahimovic non serva alla causa?”

Franco Ordine, sulle colonne de ‘Il Giornale’, ha commentato la sconfitta del Milan in casa della Juventus ed il possibile ritorno di Zlatan Ibrahimovic

di Daniele Triolo, @danieletriolo

CALCIOMERCATO MILANFranco Ordine, giornalista sportivo, ha commentato, sulle colonne de ‘Il Giornale‘ questa mattina in edicola, la sfida Juventus-Milan di ieri sera all’Allianz Stadium nonché le possibili mosse di calciomercato del club di Via Aldo Rossi per il prossimo mese di gennaio.

“Se il Milan del primo tempo durasse per tutta la sfida, a Torino sparirebbe magicamente la distanza dei 16 punti scavata in classifica prima di cominciare. Perché quel Milan raccoglie consensi e lodi quasi sperticate per come affronta il suo classico, tutto raccolto in venti metri per togliere ossigeno e spazio alla Juve che arranca preoccupata e per la capacità di replicare in modo convincente agli attacchi indolenti di casa Sarri. La contabilità della prima frazione è la conferma inequivocabile dell’impressione registrata all’intervallo: tre tiri in porta molto impegnativi per i rossoneri con tre pedine diverse e un centrocampista, Bennacer, capace di accumulare un parziale da record addirittura, 20 passaggi precisi nei primi 45 minuti, i migliori da quando a Milanello è spuntato Pioli“, le parole di Ordine.

“Se il Milan avesse poi un centravanti più utile di Piatek, presente in ogni azione, capace di collaborare con i suoi sodali anche quando la palla è sui piedi dei rivali, allora persino la contabilità dell’attacco milanista, il più grave deficit oltre a quello già segnalato della classifica, migliorerebbe in modo sensibile – ha proseguito Ordine -. Perciò la sostituzione di Piatek con il pigro Leao, dopo l’ora, non è una notizia ma lo sviluppo inevitabile della resa del polacco. E qui emergono i limiti tecnici del gruppo che devono pilotare le prossime mosse sul mercato di gennaio”.

“Sono proprio sicuri a casa Milan che Ibrahimovic non serva alla causa? E se così fosse davvero, c’è in circolazione qualche altro attaccante di quel spessore, capace di tirare fuori il Milan dalle sabbie mobili della classifica? – la conclusione di Ordine -. Ai posteri la facile risposta. Se alla fine di una serata promettente il Milan rimedia l’ennesima sconfitta appena la panchina di Sarri mette il tigre (Dybala) nel motore spento (CR7) i rimpianti e i rimorsi diventano giganteschi, il futuro sempre più nero e la classifica sempre più rossa”. Per l’estate, però, il Diavolo pensa a come rinforzare la difesa: per i dettagli, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter/// Instagram/// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy