Berlusconi rivuole il Milan ma ha lasciato le macerie

Berlusconi rivuole il Milan ma ha lasciato le macerie

Marco Fassone costretto a prendere accordi con la UEFA per la gestione del Milan di Silvio Berlusconi a cavallo tra il 2014 del 2017

di Daniele Triolo, @danieletriolo

L’edizione odierna di ‘Tuttosport’ è tornata sulle dichiarazioni rilasciate un paio di giorni fa da Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia ed ex proprietario del Milan, il quale, parlando in un incontro pubblico a carattere politico, ha paventato (scherzosamente) persino l’ipotesi di riacquistare il club rossonero qualora si rendesse conto che il calo di voti del suo partito sia in gran parte dall’essersene privato.

Il quotidiano torinese si è domandato se Berlusconi, che nell’aprile 2017 ha ceduto il Milan alla Rossoneri Sport Investments Luxembourg di Yonghong Li, abbia, ora, la forza economica di ritornare al timone della società di Via Aldo Rossi: Fininvest, dalla cessione, ne ricavò 520 milioni netti, più altri 70 di rimborso per le spese anticipate e spinse Berlusconi a privarsi del ‘gioiello di famiglia’, il Milan, poiché il club rossonero di fatto, rappresentava una macchina di lusso che perdeva 90 milioni l’anno: situazione insostenibile per Fininvest e per la stessa famiglia Berlusconi.

D’altronde, ha proseguito ‘Tuttosport’, gli ultimi bilanci del Milan berlusconiano parlavano chiaro: – 91,4 milioni nel 2014, – 89 milioni nel 2015, – 74,9 milioni nel 2016 e – 27,5 milioni nei primi mesi del 2017. Da quando il Milan è passato a Yonghong Li, il passivo è sceso a 22,3 milioni. Rossi piuttosto pesanti che, negli anni, hanno condizionato il club, costretto l’ex amministratore delegato Adriano Galliani a lavorare con un budget limitatissimo e che, soprattutto, si ripercuotono sulla situazione attuale del Milan, bocciato a dicembre dalla UEFA sul voluntary agreement e trovatosi costretto a patteggiare sanzioni (settlement agreement) ora.

Yonghong Li, ed il nuovo management rossonero, A.D. Marco Fassone in testa, dunque, hanno ereditato una situazione davvero complessa e cercato di rimettere in piedi la baracca. Yonghong Li ha azzerato i debiti dell’ultima gestione Berlusconi ed ora lavora per rifinanziare quello in essere con il fondo statunitense Elliott Management Corporation.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Salvini su Berlusconi: “FI male perché ha venduto il Milan? Sottostima l’intelligenza degli italiani”

Milan, Mirabelli in bilico e Berlusconi scherza: dì la tua

Berlusconi: “Calo voti per Forza Italia? Ha influito la vendita del Milan”

Berlusconi: “In Champions ho tifato Juve”

Sacchi: “Sarri? Ecco cosa dissi a Berlusconi per portarlo al Milan…”

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy