news milan

Pagelle Milan-Parma: Cutrone devastante, super Bakayoko

Luca Fazzini

 Patrick Cutrone, attaccante del Milan (credits: GETTY Images)

Donnarumma 6 - Chiamato raramente in causa, è preciso nelle uscite e controlla tutti i palloni che capitano in area di rigore.

Calabria 6.5 - Parte forte, poi rallenta un po' i ritmi, ma gioca 90' di qualità: presenza costante sulla fascia destra, dalla quale fa partire anche diversi cross interessanti. Attento in fase difensiva, dove Biabiany non lo impensierisce mai.

Abate 6.5 - Prestazione più che discreta del Capitano di giornata, che anche da centrale si fa valere. Non concede mai spazi a Gervinho e Inglese, resta concentrato per tutti i 90'.

Zapata 6 - Si legga il discorso precedente: i tanto temuti attaccanti gialloblù non impensieriscono mai la difesa rossonera, sempre precisa.

Rodriguez 6 - Partita senza infamia né lode per lo svizzero, che nel primo tempo si propone con un paio di cross, poi si limita alla gestione della gara in fase difensiva.

Kessié 6 - Come spesso accade, viene fuori alla distanza, come un diesel: nel primo tempo è impreciso e a inizio ripresa si perde Inglese in occasione del gol. Poi, però, sale di rendimento e trasforma un rigore pesantissimo, ma nel finale sbaglia tre contropiedi che avrebbero potuto chiudere la gara.

Bakayoko 6.5 - Per continuità, il migliore dei rossoneri: conferma l'ottimo momento di forma con una gara fatta di recuperi, corsa e tantissimi palloni giocati. E' ovunque, abbina quantità a qualità.

Mauri 6 - A differenza di quanto ci si aspettava alla vigilia, gioca da mezzala: ci mette garra negli oltre cinquanta discreti minuti in cui resta in campo (dal 53' Borini 5.5 - Entra e fa tanta confusione: in qualche contropiede sbaglia diversi movimenti).

Suso 6 - Nel primo tempo è nel vivo del gioco e ci prova anche con un paio di tiri dalla distanza: poi, si spegne un po' con il passare dei minuti (dall'88' Castillejo sv).

Cutrone 7 - 'Se c'è in campo Cutrone è gol': un coro che sa sempre più di sentenza per il numero 63, ancora in rete con un gran gol per il pareggio rossonero. Corre, lotta e anche nel finale è sempre pericoloso.

Calhanoglu 6 - Pochi lampi di vero Calhanoglu, ma qualche buona giocata si è vista: sta ritrovando la fiducia giusta nei cambi di campo e nelle giocate.

VAI ALLA PROSSIMA SCHEDA PER IL GIUDIZIO SUL MISTER

tutte le notizie di