Pagelle Milan-Lazio: analisi, giudizi, Top e Flop della gara

Pagelle Milan-Lazio: analisi, giudizi, Top e Flop della gara

L’analisi di Milan-Lazio, gara vinta dai rossoneri a San Siro: terza vittoria consecutiva per gli uomini di mister Gattuso

di Edoardo Lavezzari, @Edolave

LA PARTITA

Esultanza del Milan, @acmilan

Esultanza del Milan, @acmilan

Milan-Lazio, almeno per i primi 20 minuti, è una partita a dir poco scoppiettante. Nonostante le assenze pesanti, in entrambi gli schieramenti, padroni di casa e ospiti dimostrano di vivere un gran momento di forma e si affrontano a viso aperto. A sbloccare la partita è Cutrone, ma in precedenza è Calhanoglu con missile dalla distanza a impensierire non poco Strakosha. La reazione della Lazio è veemente e dopo 5 minuti arriva il pareggio di Marusic, lasciato un po’ troppo solo dalla retroguardia rossonera, è il 20′ e la partita si calma un po’ dopo un inizio a mille allora. Nella seconda fase della prima frazione la Lazio sfiora il gol con Luis Alberto (traversa) il Milan Calhanoglu (ancora bravo Strakosha). Il secondo squillo rossonero, a fine primo tempo, lo firma Bonaventura, di testa, su splendido assist di Calabria.

Nel secondo è la Lazio a fare la partita, vista anche la situazione di punteggio, ma il Milan non rinuncia mai a colpire e a provare a gestire il pallone. Donnarumma si fa trovare pronto in un paio di occasioni e Romagnoli è decisivo su Milinkovic-Savic. A 20 minuti dalla fine Gattuso mette Abate per Antonelli e Andrè Silva per un Cutrone stremato e a dice dalla fine è la volta di Borini, che prende il posto di Suso. La sostanza non cambia, il Milan concede poco e riparte, dando anche la sensazione di essere pericoloso e di poter far male alla Lazio.

VAI ALLA PROSSIMA SCHEDA PER I TOP

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy