Pagelle Milan-Inter: analisi, giudizi, Top e Flop della gara

Pagelle Milan-Inter: analisi, giudizi, Top e Flop della gara

Tutto il meglio e il peggio di Milan-Inter, attesissimo recupero del derby che si sarebbe dovuto giocare lo scorso quattro marzo

di Edoardo Lavezzari, @Edolave

LA PARTITA

Il derby non è una partita come tutte le altre e spesso questo si vede anche a livello di gioco. Dopo una serie di stracittadine pirotecniche, questo Milan-Inter ricorda quello di Coppa Italia: una partita ad alta intensità, ma bruttina, come squadre più attente a controllare l’avversario che non a punirlo. Il primo tempo scorre via senza particolari sussulti, ad eccezione di due episodi chiave: al 19′ Handanovic è bravissimo a negare a Bonucci la gioia della seconda rete consecutiva, mentre al 39′ il VAR a strozzare in gola l’urlo di gioia di Icardi (fuorigioco millimetrico).

Il secondo tempo inizia con l’assalto all’arma bianca dell’Inter, con un Milan contratto, quasi impaurito. L’occasione più grande, per i nerazzurri, passa dai piedi di Icardi, che si mangia un gol praticamente fatto, a porta vuota, calciando a lato dal cuore dell’area piccola. Un episodio, questo, che sveglia il Milan: il “Diavolo” alza il baricentro e riesce a rendersi pericoloso dalle parti di Handanovic in un paio di occasioni. Il tempo scorre, le squadre si allungano, scoprendo il fianco, ma nessuno riesce ad approfittarne. Kalinic da una parte e Icardi dall’altra falliscono il colpo del KO. Finisce in pareggio, all’Inter va bene così, il Milan invece saluta, salvo improbabili miracoli, il sogno Champions League.

VAI ALLA PROSSIMA SCHEDA PER I TOP

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy