news milan

LE PAGELLE – Milan-Torino, i voti de La Stampa: bocciato l’attacco

Carlos Bacca, attaccante del Milan (credits: GETTY Images)

La Stampa boccia l'attacco del Milan e promuove la difesa rossonera nelle consuete pagelle post-Milan-Torino.

Redazione

Dopo Milan-Torino, partita vinta 1-0 dai rossoneri grazie al gol di Luca Antonelli, La Stampa stila le sue pagelle, promuovendo in toto la difesa di Mihajlovic, in particolare Zapata, e bocciando l'attacco, compreso il capocannoniere della squadra, Carlos Bacca. Ecco voti e giudizi:

6,5 DONNARUMMA

Come regalo di compleanno (in ritardo) si confeziona un’altra partita senza reti. Che sia un predestinato lo capisci anche dalla fortuna che ha: pure quando gli sfugge il pallone dalle mani, riesce sempre a rimediare in qualche modo.

6 ABATE

Utile ma non eccelso. Diffidato, salterà la sfida contro il Sassuolo.

6 ALEX

Segue la scia del compagno di difesa e limita i danni.

7 ZAPATA

Pare che abbiano trovato l’antidoto per fargli mantenere la concentrazione e con risultati sorprendenti. Non sbaglia nulla.

6,5 ANTONELLI

Parte male. Lento e impacciato, patisce Zappacosta in maniera fin troppo plateale. Poi arriva il gol e la serata cambia.

6,5 HONDA

È dappertutto e non si risparmia. Colpisce una traversa, strappa palloni dai piedi degli avversari, prova a lanciare gli attaccanti. Se gli chiedessero anche di parare non si tirerebbe indietro.

6,5 KUCKA

Passa 20’ nella confusione più totale finché si ricorda che si gioca e la musica cambia. Prima fa ammonire Glik poi entra nell’azione da rete di Antonelli.

5,5 BERTOLACCI

Lo guardi e sembra di vedere una partita al rallentatore. L’unica cosa buona del primo tempo è un colpo di tacco.

6 BONAVENTURA

Ci mette 35’ a carburare, non è brillante come al solito.

5,5 BACCA

Fa cilecca in due occasioni e si innervosisce (dal 44’ st BALOTELLI sv).

5 NIANG

Un tiraccio sparato in curva e poco più. Indolente e stanco stecca clamorosamente la partita (dal 24’ st BOATENG 5,5: impacciato e lento).

tutte le notizie di

Potresti esserti perso