Milan, il pagellone del girone di andata in Serie A: promossi, bocciati e rimandati

Milan, il pagellone del girone di andata in Serie A: promossi, bocciati e rimandati

Il Milan ha concluso il suo girone di andata nel massimo campionato al quinto posto, a -1 dalla zona Champions: ecco le nostre pagelle dopo 19 giornate

di Daniele Triolo, @danieletriolo

DIFENSORI

Calabria 6,5: Titolare quasi indiscusso, ha trovato il suo secondo gol in Serie A al ‘San Paolo’ e, più in generale, offerto una serie di buone prestazioni sulla destra. Peccato che spesso si fermi per problemi muscolari. Comunque una bella conferma. PROMOSSO.

Conti 6: voto di stima, visto che ha disputato appena due spezzoni di gara. Appuntamento al 2019. RIMANDATO.

Romagnoli 8: un infortunio muscolare di troppo, che ha privato il Milan del suo capitano e leader difensivo per qualche settimana. Ormai una certezza nella retroguardia rossonera, e, in questo girone d’andata, si è pure tolto lo sfizio di segnare due gol decisivi. PROMOSSO.

C. Zapata 6,5: partito, come al solito, dalle retrovie, ogni qualvolta manca qualcuno, è sempre lui a mettere piede in campo. Schierato spesso da titolare, finora non ha mai deluso le aspettative, dimostrandosi sempre concentrato. PROMOSSO.

Abate 6,5: il veterano rossonero ha disputato un girone d’andata molto convincente. Di lui va apprezzato soprattutto lo spirito di sacrificio e l’attaccamento alla maglia: in un periodo dove il Milan ha perso i pezzi, ha giocato, con ottimi risultati, anche da difensore centrale. PROMOSSO.

Musacchio 6: stagione, fin qui, tutto sommato sufficiente per l’argentino, quasi sempre titolare fino all’infortunio rimediato in Europa League a Siviglia. Niente di trascendentale, ma sicuramente un giocatore affidabile. RIMANDATO (a maggior continuità).

Rodríguez 6,5: difetta, probabilmente, un po’ in fase offensiva perché, rispetto a quando giocava in Germania, deve badare più a difendere che ad attaccare. Gattuso, però, lo impiega praticamente sempre perché è anche capace di impostare l’azione dalle retrovie. Più attento e concentrato rispetto all’anno scorso. PROMOSSO.

Laxalt 5,5: era partito bene, da rincalzo affidabile, elemento anche in grado di consentire all’allenatore di cambiare modulo a gara in corsa. Flessione netta negli ultimi due mesi, come se la maglia del Milan, in qualche modo, gli ‘pesasse’ troppo sulle spalle nel momento di difficoltà. BOCCIATO.

VAI ALLA PROSSIMA SCHEDA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy