Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Ventura: “Non tollero menzogne su di me, io al Chievo per amicizia”

Giampiero Ventura, allenatore del Chievo (credits: GETTY images)

Nel giorno delle dimissioni da allenatore del Chievo, Giam Piero Ventura ha affidato all'Ansa una nota in merito alla sua decisione

Luca Fazzini

Giampiero Ventura, ex ct della Nazionale, ha rassegnato oggi le dimissioni - dopo poche settimane - da tecnico del Chievo. L'ex allenatore gialloblù ha voluto rilasciare una nota in merito all'Ansa: "Stavolta non tollero menzogne, mi sono dimesso dal Chievo non per i risultati (sarei andato via anche in caso di vittoria col Bologna) ma perché io e la società volevamo raggiungere la salvezza attraverso due strade diverse. E ho rinunciato a due anni di contratto senza chiedere né pretendere alcunché. Premetto che sono arrivato al Chievo per amicizia, perché il presidente Campedelli è un amico, e perché il momento di difficoltà della squadra coincideva con la mia grande voglia di riprendere ad allenare. Ho poi deciso di interrompere il rapporto, non per i risultati (mi sarei dimesso anche in caso di vittoria col Bologna), ma quando ho avuto la certezza che, benché volessimo raggiungere lo stesso obiettivo, cioè la salvezza del Chievo, io e la società volevamo perseguirla attraverso due strade diverse. A quel punto, né io potevo pretendere che loro sposassero le mie idee, né loro potevano pensare che io condividessi il loro percorso. Ho rinunciato a due anni di contratto con una rescissione consensuale senza chiedere né pretendere alcunché. Mi hanno riconosciuto soltanto il mese di lavoro. Questi sono i fatti. Faccio un in bocca al lupo alla società anche se ora le nostre strade si dividono".

"SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

tutte le notizie di

Potresti esserti perso