UNA RIVOLUZIONE GESTITA MALE, IL MILAN ESCE A PEZZI. PURE BARBARA SI E’ INDEBOLITA

di Redazione

http://sport.sky.it/
http://sport.sky.it/
Il giorno più lungo in casa rossonera finisce con una cena tra Silvio Berlusconi e Adriano Galliani. L’ultima cena, verrebbe da dire ironicamente, se non fosse che questa situazione ha nuociuto – e molto – a tutto il Milan. Lo ha indebolito in ogni sua componente. La proprietà, scavalcata, è stata presa in contropiede. In evidente imbarazzo, Silvio Berlusconi si è paralizzato di fronte alla disputa ‘familiare’ fra l’amico fraterno Adriano e la figlia Barbara. Galliani è stato messo nelle condizioni di dire basta e sbattere la porta, gesto che ha sorpreso e  indebolito pure Barbara. Lady B poteva essere il nuovo che avanza, la nuova icona milanista. Ora è soltanto l’usurpatrice sgarbata. I tifosi non hanno capito, compreso, e nemmeno condiviso. Da qui in avanti avrà un ruolo difficile e poco simpatico. Con una montagna di pressione in più. E diversi nemici in più. Il ritorno di Paolo Maldini in società poteva e doveva essere celebrato con giubilo, ma ancora una volta la festa – come per il suo addio al calcio – è stata funestata da un corteo di musi lunghi e mugugni. In bocca al lupo lo stesso, ce ne sarà bisogno. Escono tutti sconfitti da questa storia. Pure Allegri, che perde il suo parafulmine, e la squadra, ormai allo sbando, impoverita e impaurita. Ha già dimostrato poca personalità, figuriamoci adesso, travolta da avvenimenti epocali e disorientanti. Disorientati sono pure i tifosi, increduli. Increduli di vedere un Milan così allo sbando, impantanato nelle paludi della bassa classifica e strattonato di qua e di là come fosse un giocatolo. Volente o nolente, la nuova era è già cominciata. Con un fallimento, verrebbe da dire. Se uno dei primi obiettivi di Barbara era infatti quello di recuperare un po’ lo stile Milan, quel dna rossonero che era venuto pian piano a mancare, bè – forse – questo non è stato il modo giusto per farlo. Nella speranza che tutto cambi presto, per non cambiare mai: in fin dei conti il Milan è sempre stato sinonimo di successo e speriamo lo rimanga anche nei giorni che verranno…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy