Ora il Milan sa ringhiare: a Firenze rimonta e pareggia con Çalhanoğlu

Sotto per un gol di Giovanni Simeone, il Milan di Gennaro Gattuso ha rialzato la testa e strappato un punto importante al ‘Franchi’: l’analisi del match

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Ieri pomeriggio, al ‘Franchi’ di Firenze, il Milan ha concluso il suo 2017, caratterizzato più da ombre che da luci, pareggiando 1-1 contro i padroni di casa della Fiorentina. Un pareggio tutto sommato positivo per i rossoneri di Gennaro Gattuso, viste anche le circostanze nelle quali è arrivato.

Per la prima volta in questo torneo, infatti, il Milan, andato sotto al 71′ in virtù di un colpo di testa dell’argentino Giovanni Simeone, ha saputo reagire e, anziché affondare come gli è successo in maniera quasi sistematica, ha rimontato lo svantaggio trovando il gol del pareggio appena 3′ più tardi, grazie al turco Hakan Çalhanoğlu, entrato bene in partita nella ripresa, abile a sfruttare una corta respinta di Marco Sportiello sul sinistro a giro di Jesús Suso.

Il risultato alla fine è specchio di quanto si è visto sul prato verde del ‘Franchi’, sebbene la Fiorentina abbia tenuto di più il possesso palla e cercato forse con un pizzico in più di insistenza la via della rete: il Diavolo, però, non va dimenticato, era reduce dai 120′ di mercoledì scorso in Coppa Italia contro l’Inter, aveva riposato un giorno in meno della Viola e, per ammissione dello stesso tecnico rossonero, Leonardo Bonucci e compagni si erano presentati all’importante appuntamento fiorentino quasi sulle gambe.

Ecco perché è importante essere usciti indenni dal confronto in terra toscana, contro una squadra che sopravanza il Milan in classifica di due lunghezze, al termine di un incontro che, per una buona mezzora, ha regalato al pubblico soltanto sbadigli salvo poi accendersi nel finale di primo tempo, minuto 39, quando tutto il ‘Franchi’ ha chiesto l’espulsione di Alessio Romagnoli per fallo su Simeone lanciato a rete. Giallo per il difensore milanista, graziato nell’occasione dall’arbitro Luca Banti di Livorno.

Bravo Gianluigi Donnarumma ad opporsi nel finale di prima frazione sul colpo di testa ravvicinato di Gil Dias: nulla, però, ha potuto fare il portiere rossonero a venti minuti dal termine quando, su cross perfetto di Cristiano Biraghi, Bonucci ha lasciato colpevolmente solo Simeone che ha freddato il Milan e mandato in delirio Firenze. Quindi, il pareggio di Çalhanoğlu, che ha interrotto l’imbattibilità della difesa della Fiorentina a 499 minuti. Il punticino, alla fine, non è male per il Milan: in campionato la classifica è deficitaria, certo, ma ci sarà tempo per rimontare e agguantare la qualificazione in Europa League. In più, il Diavolo è ancora in corsa in Coppa Italia e nello stesso torneo europeo: che il 2018 sia foriero di risultati migliori.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Pagelle Fiorentina-Milan: analisi, giudizi, Top e Flop della gara

Le dichiarazioni di Gennaro Gattuso a ‘Premium Sport‘, ‘Sky Sport‘, ‘Milan TV‘ e in conferenza

Le dichiarazioni di Gianluigi Donnarumma a ‘Premium Sport‘, ‘Sky Sport‘ e ‘Milan TV

Le dichiarazioni di Ricardo Rodríguez a ‘Sky Sport‘ ed in mixed zone

Fiorentina-Milan, la partita vista sui social

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy