Nasce la UEFA Nations League, domani la presentazione

Inizia la UEFA Nations League. Era in programma da un po’ e partirà ufficialmente tra un anno. Anche le Nazionali avranno il loro campionato.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

Alla fine si farà, la UEFA Nations League. L’inizio sarà tra un anno esatto: settembre 2018. Non ci sarà un aumento degli incontri delle Nazionali, ma solo una modifica al calendario. Non ci saranno quasi più le amichevoli, bensì gare da tre punti. Ci saranno molte più partite tra le grandi Nazionali, che dovranno lottare per restare nella massima divisione (4 totali). In più le federazioni ci guadagneranno sui diritti TV, motivo principale. Il meccanismo è forse un po’ complesso, ma sicuramente può essere molto divertente, soprattutto arrivati alla Final 4. La presentazione sarà domani a Ginevra.

Di norma, siamo abituati a settembre, dopo la fine di Europeo o Mondiale, a vedere le prime partite di qualificazione per la grande manifestazione successiva. Non sarà più così, scrive la Gazzetta. Dal prossimo anno ci sarà la Nations League. Le 55 Nazionali europee saranno divise in 4 serie (A, B, C e D), e ci si comporterà esattamente come con i club, con promozioni e retrocessioni. In Serie A ci saranno le migliori 12 in base al ranking UEFA per nazioni come sarà il prossimo ottobre. Le altre serie saranno più numerose. L’Italia sarà in Serie A. Le 12 Nazioni saranno divise in tre fasce da quattro, con gli azzurri in seconda. Il 24 gennaio ci sarà il sorteggio, in cui saranno composti quattro gruppi da tre squadre.

Le partite dei gruppi di Serie A, andata e ritorno (4 totali per ogni squadra), si giocheranno tra settembre e novembre 2018. Le vincenti dei quattro gruppi si qualificano per la Final 4 a giugno 2019, che si giocherà in sede unica. Ci saranno due semifinali e una finale, con il trofeo in palio. Le ultime arrivate dei 4 gruppi retrocederanno nella divisione B. E così ogni due anni.

Di mezzo, però, ci saranno anche le qualificazioni a Euro 2020. Tra fine 2018 e inizio 2019 si sorteggeranno i dieci gruppi, che saranno 5 da 5 squadre, che comprenderanno le quattro finaliste di Nations) e 5 da 6 squadre. Totale: 55 Nazioni. Le prime due di ogni gruppo vanno alla fase finale dell’Europeo. Saranno quindi 20. Ne mancano 4, visto che ci saranno 24 squadre e l’Europeo non avrà sede fissa. I 4 posti rimanenti saranno assegnati con gli spareggi di marzo 2020. Tante “Final Four”, stavolta in tutte le divisioni e una qualificata per divisione. Ciò significa che si possono qualificare anche squadre di ultima fascia. Se una squadra che ha vinto il proprio gruppo di Nations sono già all’Europeo il diritto allo spareggio passa a chi non c’è. Sembra difficile, ma non lo è affatto. Meno amichevoli, ma le Nazionali restano e, anzi, assumono più importanza.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Che fatica viaggiare: la Serie A riparte con i reduci dalle Nazionali

Milan in Nazionale: il quadro completo

Nazionali, il resoconto di tutti i rossoneri impiegati

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy