Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Milan, le gambe tremano troppo: mancanza di esperienza?

Leonardo Bonucci in Milan-Arsenal (credits: GETTY Images)

Il Milan ha subito una pesante sconfitta nel match contro l'Arsenal: le gambe tremavano troppo, a causa della mancanza di esperienza. Ma ci sono anche altri fattori

Patrick Iannarelli

Le gambe tremavano troppo. A dirlo lo stesso Gattuso, che ha evidenziato la mancanza di una vera e propria esperienza internazionale. Ma ci sono solo questi fattori? Di sicuro l'analisi potrebbe essere più approfondita, anche perché i rossoneri arrivavano da un momento davvero pieno. Ieri è mancato qualcosa, la squadra girava a vuoto e c'era poca lucidità negli ultimi sedici metri. Serviva fare qualcosa di più, ma si vedeva che mancava lo spunto. Troppa pressione? Poca lucidità? Bravura dell'Arsenal? I temi da cui prendere spunto sono davvero tanti, soprattutto dopo una batosta simile in campo europeo.

INESPERIENZA - Sicuramente questo è stato un fattore fondamentale. Mancanza di sicurezza, soprattutto nelle uscite palla al piede. Mancava quel tocco in meno, ma soprattutto mancava la precisione. La situazione da evidenziare riguarda sicuramente la frenesia: in campo si è visto un gruppo intimorito, ma soprattutto sotto pressione. Il Milan sembrava voler dimostrare qualcosa, strafare. Far capire che i rossoneri sono una squadra da grande palcoscenico. Ma questo ha portato ad un possesso palla frenetico, senza idee e lucidità. E l'Arsenal con questa situazione, è andata a nozze.

PRESSIONE E STANCHEZZA - La pressione era troppa. Uno Stadio pieno, un avversario qualitativamente indiscutibile (nonostante il momento negativo). Ma soprattutto un obbligo di vincere che ha portato i rossoneri a sbagliare troppo. Il Milan è sembrato stanco, sfinito. Non è una colpa, anzi. Il calendario e gli impegni sono stati impietosi con la squadra di Gattuso, con scontri diretti e partite vitali nel giro di pochissime ore. Le gambe possono anche stare bene, ma come ha detto Leonardo Bonucci è la testa che muove tutto. E quando la pressione aumenta e non riesci più a tenere il passo, rischi troppo. Indipendentemente dalla partita. L'inesperienza conta, ma non è stato sicuramente un fattore determinante.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

tutte le notizie di

Potresti esserti perso