Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

MILAN NEWS

Milan, Galderisi: “Pioli strepitoso, merita il rinnovo”

Giuseppe 'Nanu' Galderisi (credits: GETTY Images)

Galderisi, ex attaccante, ha parlato del lavoro di Pioli con il Milan, sottolineando come sia stato eccezionale e meriti di continuare.

Stefano Bressi

Una stagione con la maglia del Milan per Giuseppe Galderisi, ex attaccante: quella 1986/87, con 28 presenze e 4 gol. Ai microfoni di TMW Radio ha parlato molto dei rossoneri e di Stefano Pioli, ecco le sue parole.

Milan, Pioli vicino al rinnovo. Quale l'aspetto che pesa di più per la sua permanenza?

"La gestione del gruppo, l'umiltà che ha, la capacità di entrare nella testa dei giocatori. Sa gestire giovani e campioni, è un allenatore strepitoso, che ha sempre fatto bene dove è andato per le sue qualità umane. Il gruppo crede fortemente in quello che fa, che giochi uno o l'altro non fa differenza".

Chi le ricorda Pioli?

"Per la pacatezza Ancelotti, per il modo di saper affrontare le difficoltà. Non ha mai perso la testa, ha sempre cercato di caricare i suoi con la convinzione della propria forza. I giocatori lo seguono per questo".

Col rinnovo cosa cambierà nel progetto Milan?

"Stabilità. I giocatori sono innamorati di Pioli. Mi ricordo nel periodo in cui lo scorso anno era a casa per il Covid i giocatori lo chiamavano. Il Milan fa bene a rinnovargli il contratto, è amato e rispettato, ed è quello che conta. La società con Maldini e gli altri mi sembra un bel gruppo di lavoro".

Facendo un bilancio, finora è stato il miglior allenatore?

"E' stato un crescendo continuo. Ha buttato le basi già la scorsa stagione. Nonostante le difficoltà, sta crescendo molto. La forza di una squadra è la compattezza le gruppo, far sentire tutti felici di quello che fanno e che le occasioni arrivano per tutti. Il Milan cambia giocatori ma non cambia la sua mentalità. Ha creato un Milan da applausi".

Kessiè, Brozovic e Insigne: chi di questi tre è il più necessario?

"Kessiè è fantastico, forse non sta facendo bene come gli anni scorsi ma è importante. Ma al Milan se manca Kessiè non cambia molto. Brozovic è troppo importante per l'Inter per i tempi di gioco. Di Insigne non ci capisco niente, è un momento dove il Napoli non ha bisogno di problemi. C'è qualcosa che non mi è chiaro. Non si può proporre al giocatore la metà di quello che prende, anche perché si sa cosa dà per questa maglia".

tutte le notizie di