news milan

MIHAJLOVIC punge gli attaccanti, li vuole più decisi

Sinisa Mihajlovic, allenatore del Milan (credits: GETTY Images)

L'allenatore rossonero, Sinisa Mihajlovic, nel corso della conferenza stampa di oggi, ha focalizzato la propria attenzione sul momento degli attaccanti rossoneri

Donato Bulfon

L'allenatore rossonero, Sinisa Mihajlovic, nel corso della conferenza stampa di oggi, ha focalizzato la propria attenzione sul momento degli attaccanti rossoneri, dilaganti contro la Sampdoria ma spenti contro il Carpi. “Devono essere decisivi e non lo sono”, ha spiegato Mihajlovic, sottolineando come abbiano sprecato troppo contro gli emiliani nello scorso turno di campionato. Particolare nota di 'demerito' per Bacca, che Sinisa vuole più cattivo e convinto sotto porta. Ma non solo. Il tecnico serbo non può rinunciare al buon momento di forma di Mbaye Niang, l'arma in più di questo Milan.

E allora si cambia: fuori Cerci, che nelle ultime apparizioni non è stato per nulla positivo, per il giovane francese che ha fame e lo si vede da come parla ma anche da come entra in campo. "Voglio restare dieci anni, essere il Pogba del Milan", le parole di Niang dei giorni scorsi. Detto, fatto. Con Balotelli fermato da una prudenza che non è mai troppa, un Menez ancora lontano dal recupero, per Mihajlovic il reparto offensivo è fondamentale per vincere e battere il Verona nella gara di domani pomeriggio. Bacca è in affanno? E allora dentro Luiz Adriano, sempre positivo negli ultimi spezzoni di gara giocati, ma non al posto del colombiano. Il tecnico serbo le prova tutte e, per un Milan che ha tante difficoltà nella fase offensiva, di punte ne mette 3 e mezzo. Niang largo a destra, Bonaventura a sinistra, in mezzo la coppia che ad inizio stagione sembrava perfetta, Bacca-Luiz Adriano. Sinisa vuole quindi più cattiveria, più tiri, più movimenti giusti e più voglia di vincere. Meno colpi di tacco, ma più gol banali. E forse è questo che manca agli attaccanti milanisti, il gioco facile. Dopo le strigliate e le parole degli ultimi giorni, Mihajlovic spera che con il Verona la musica cambi: lo vogliono i tifosi, lo vuole la dirigenza, lo vogliono tutti.

tutte le notizie di

Potresti esserti perso