La difesa inizia a delinearsi: ecco come cambia il Milan

La difesa inizia a delinearsi: ecco come cambia il Milan

Nonostante il mercato sia solo all’inizio il Milan sembra aver già delineato la difesa del prossimo anno. Resta Romagnoli, torna Paletta. Serve un rinforzo.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi
Alessio Romagnoli Milan

Ormai da qualche anno il Milan ha nella difesa uno dei suoi più grandi problemi. La fatica nel riuscire a far fare un salto di qualità al pacchetto centrale difensivo è evidente. La scorsa estate si era fatto un tentativo con Alessio Romagnoli, ma l’ex Roma è ancora troppo giovane per caricarsi sulle spalle un’intera difesa (figuriamoci quella del Milan). Nonostante ciò, il numero 13 si è comportato bene, mostrando margini di miglioramento enormi. Ma, come detto, non basta. Al suo fianco si sono alternati di continuo tutti gli altri, ma solo Alex a tratti ha dato segnali positivi.

Adesso la stagione è finita e il Milan ha una nuova possibilità per sistemare le cose e migliorare la situazione. In dirigenza le idee sembrano averle chiarissime. Ovviamente intoccabile Romagnoli, investimento importante, come detto in ottica futura. Degli altri quattro solo Cristian Zapata sembra in procinto di rinnovare, ma difficilmente sarà lui il titolare del prossimo anno. Alex e Philippe Mexes quasi certamente lasceranno la squadra. C’è poi l’incognita Rodrigo Ely: anch’egli giovane, ma che nel corso di questa stagione è stato sfortunato e non è riuscito a mettere in mostra le sue qualità. La soluzione migliore potrebbe essere un prestito, ma è ancora tutto da vedere.

In ogni caso, si sa, il pacchetto difensivo centrale deve essere composto da almeno 4/5 elementi e, finora, ce ne sono due che sicuramente resteranno (Romagnoli e Zapata). A loro verrà aggiunto Gabriel Paletta, mandato in prestito all’Atalanta lo scorso anno e ora pronto a rientrare. Nel corso dell’ultima stagione l’ex Parma ha ritrovato una condizione che al Milan non ha mai avuto, rendendosi protagonista di un’ottima annata, tanto che Sinisa Mihajlovic alla fine di un incontro con l’Atalanta gli ha fatto pubblicamente i complimenti. Il centrale naturalizzato italiano è trentenne, un’età in cui ancora si può dare molto. In pratica va a sostituire Alex.

Dunque i centrali sono tre. Difesa che si delinea, con l’incognita Ely. Manca un elemento che, viene logico pensare, arriverà dal calciomercato. Basta poco, perchè con un buon centrale da affiancare a Romagnoli, poi Paletta e Zapata sarebbero ottime riserve. Ed ecco allora la possibilità, nuova, per il Milan di sistemare la difesa. Dopo l’ottimo investimento su Romagnoli, adesso serve un altro centrale. Che sia di livello, che sappia guidare la difesa, che consenta al “futuro Nesta” di seguire effettivamente le orme di Alessandro. Il Milan, stavolta, non può davvero sbagliare.

Ti possono interessare anche:

Milan, altri tre rinnovi in vista
Calciomercato – Il Milan incontra il Real Madrid per Kovacic
Calciomercato – Milan, si profila il ritorno di Paletta
Fininvest, giovedì Consiglio d’Amministrazione: si valuterà la proposta cinese
L’identità dei cinesi che compongono la cordata che vuole comprare il Milan

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy