ICC 2019 – Giampaolo: “Suso è un fuoriclasse: quelli forti dobbiamo tenerli”

Marco Giampaolo, allenatore del Milan, ha parlato così al termine della gara di International Champions Cup 2019 contro il Manchester United

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILANMarco Giampaolo, allenatore del Milan, ha parlato così, ai microfoni di ‘Milan TV‘, al termine della gara di International Champions Cup 2019 contro il Manchester United. Queste le dichiarazioni di Giampaolo:

Sulla partita: “Manca la cura dei particolari, ma questa lo acquisiremo soltanto lavorando, con il tempo, però la squadra ha recepito il grosso. Gioca con una buona mentalità, la cosa che mi piace di più è che sono tutti dentro un progetto, un’idea, significa che fanno cose alle quali credono. Poi la condizione, le sintonie, la cura dei particolari fa parte del lavoro. Ma il grosso della musica l’hanno recepita. Il Milan ha giocatori forti, di qualità: poi se riusciamo a riconoscerci in uno spartito penso che possiamo essere ancora più forti, il giocare insieme mette tutto nelle condizioni di crescere. Rallentamenti ci saranno in questo processo di crescita, perché so che è così, però mi piace il fatto che i calciatori giochino con fede, come ho detto l’altra volta: mi piace l’attaccamento, la partecipazione”.

Su Jesús Suso: “È un fuoriclasse, Suso è forte. Non si discute. L’ho detto a lui, e l’ho detto anche al club. Suso non è un problema: i giocatori forti noi dobbiamo tenerli”.

Su Hakan Calhanoglu: “E’ un giocatore universale, può giocare in tutti i ruoli della metà campo: poi l’ho messo lì perché Lucas Biglia ha avuto un problema al tendine e non volevo che andasse oltre, non volevo che capitassero guai. Anche se lì Biglia mi è piaciuto, come sempre, come dall’inizio: uomo vero, ragazzo grande professionista e poi la partita la sa giocare. Calhanoglu, ho detto, sa giocare in tutti i ruoli a metà campo, poi gli va creata una specificità. L’ho messo in quel ruolo per un quarto d’ora, ma quando uno sa giocare si barcamena anche lì”.

Su Giacomo ‘Jack’ Bonaventura: “L’ho visto rinato, chiaro è fuori da 8 mesi, ha assaporato il campo per un quarto d’ora. L’ho visto anche meglio rispetto alle sedute di allenamento, dove era più controllato. Speriamo con il tempo di recuperare anche Jack, che è giocatore importante e di qualità”.

Sui miglioramenti della squadra: “Ho visto cose ancora migliori rispetto al Benfica. C’è stato un impegno ancora più importante. Credo che i miei giocatori si siano divertiti a giocare questa partita. È sicuramente un altro passo avanti e ne dovremo fare sempre. Dobbiamo arrivare all’Udinese in maniera giusta. Il pensiero più grande che ho è l’integrazione dei nuovi, ne ho almeno 5-6 che sono fuori, è portare quei 6 a pensare come pensano gli altri 20. Mano a mano si adegueranno”.

Su Daniel Maldini: “Va bene così, era giusto che calciasse il rigore visto che era stato designato come quinto. Sfortunatamente ha sbagliato ma è un percorso utile per lui. Ragazzi come lui hanno bisogno di partite così per crescere e se non le fanno non crescono”.

Per le pagelle dei giocatori del Milan al termine del match contro il Manchester United, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy