Eranio: “Donnarumma? Raiola fa bene il suo mestiere”

Stefano Eranio, ex centrocampista del Milan, ha espresso la sua opinione in merito alla vicenda relativa a Donnarumma e al suo procuratore Raiola

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

Stefano Eranio, ex giocatore del Milan, con cui ha totalizzato 98 presenze, ha rilasciato alcune dichiarazioni su Gianluigi Donnarumma e sul suo procuratore Mino Raiola. Le sue parole a TMW Radio: “Raiola fa il suo mestiere, lo fa anche bene. I calciatori, poi, passano per mercenari ma le contestazioni del pubblico non agevolano il lavoro di Gattuso, del Milan ma anche di Donnarumma. Raiola vede in questo Milan qualcosa che non va? Se ne dicono tante, nessuno di noi ha le idee chiare sulla società. Sicuramente è un momento di difficoltà, mi auguro che da gennaio possa esserci un Milan diverso ma senza la qualificazione in Champions bisognerà fare a meno di qualche pezzo pregiato. Adesso sappiamo che Donnarumma ha un contratto fino al 2021, ma poi c’è la clausola che – senza risultati importanti – gli permette di svincolarsi per 40 milioni di euro. Non si sa se questa clausola sia vera o meno, staremo a vedere”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

De Laurentiis: “Donnarumma? Ecco cosa feci con Lavezzi…”

Raiola corre ai ripari: linea morbida nei confronti del Milan

Donnarumma, ecco l’opinione di quattro ex portieri rossoneri

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peraskov - 3 anni fa

    Sono francamente allibito nel sentire gente di sport, come Eranio, dire che Raiola fa “bene il suo mestiere”. E’ il buon mestiere di un procuratore giocare con la fragile psicologica di un 18enne, metterlo per un anno intero sulla gogna mediatica, sputtanare l’enorme consenso che aveva tra i tifosi, solo per ingrassare il suo portafoglio? Ora questo “signore” se la prende con Mirabelli, ma è stato lui ed il suo degno avvocato ad inviare la lettera nella quale si afferma che Gigio ha firmato sotto “violenza psicologica”, affermazione contraddetta dallo stesso Donnarumma. A Gigio va contestato solo di non avere le palle per cacciare Raiola e a 18 anni si può capire, ma Raiola va chiamato per quello che è: non un bravo procuratore, ma un mercenario senza scrupoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy