Torino, Cairo: “Ci stanno massacrando Belotti. Su Mihajlovic…”

Torino, Cairo: “Ci stanno massacrando Belotti. Su Mihajlovic…”

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha rilasciato alcune dichiarazioni alla trasmissione “Tutti convocati” in onda su Radio 24. Ecco le sue parole

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha parlato alla trasmissione Tutti convocati: “Errori con il Var? il Var in queste ultime partite ci ha penalizzato ingiustamente, ma la cosa che ci tengo a sottolineare è che ci stanno massacrando Belotti: viene costantemente malmenato in tutte le partite, tanto è vero che il giocatore si è infortunato e dovrà saltare le partite con la Nazionale Italiana”.

Sull’utilizzo della tecnologia: “Il credo che il VAR sia una bellissima innovazione e ci credo in maniera convinta, ma gli arbitri devono stare molto attenti nel decidere quando fischiare”.

Sull’inizio della stagione del Torino: “Direi che sono soddisfatto, siamo a 12 punti e siamo al sesto posto a pari punti al Milan: si può fare ancora meglio,  e il nostro mister sta lavorando al meglio per cercare di apportare qualche miglioramento. Avremmo meritato qualche punto di più’ ma purtroppo non è stato possibile”.

Sul Napoli: “Il Napoli sta giocando un grande calcio e credo che stia mettendo una buona base per lo scudetto, anche se la Juventus è sempre molto forte”.

Sul derby perso contro la Juventus: “Non credo che Mihajlovic abbia caricato troppo l’ambiente: la gara è stata condizionata dall’espulsione di Baselli. Forse non avrei detto la frase ‘Padroni contro il popolo’ (frase detta dall’allenatore serbo in conferenza alla vigilia della gara contro i bianconeri, ndr): non aveva nessun senso.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Cairo: “Niang? Avrei voluto pagarlo di meno, ma non ce l’ho fatta”

Cairo: “Belotti? L’avevo detto che sarebbe rimasto”

Cairo: “Il mercato va chiuso prima”

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy