news milan

Sousa a PS: “Siamo stati superiori, faccio i complimenti ai ragazzi”

Paulo Sousa, ex allenatore della Fiorentina (credits: GETTY Images)

Il tecnico della Fiorentina, Paulo Sousa, è stato intervistato al termine del match contro il Milan dai microfoni di Premium Sport. Queste le sue parole.

Redazione

Il tecnico della Fiorentina, Paulo Sousa, è stato intervistato al termine del match contro il Mila dai microfoni di Premium Sport.

Queste le sue parole: “Abbiamo giocato giovedì e fatto uno sforzo tremendo. Oggi siamo venuti già a giocare e promuovere il calcio. Abbiamo cercato di vincerla. Abbiamo preso i gol su una palla inattiva e su un errore in transizione. La nostra filosofia è fare la partita, ci è mancato di fare il gol, siamo stati superiori contro una squadra mentalmente forte che sta bene".

DOPO L'EUROPA LEAGUE - "Sono contento dei ragazzi che hanno promosso il calcio, dopo una prova estenuante giovedì. Sono soddisfatto nonostante la tristezza della sconfitta. Tutte le squadre che giocano in Europa League la gara dopo fanno fatica, come il Borussia. Abbiamo giocato contro una squadra che sta bene e giocava in casa, abbiamo sofferto il rimo nel primo tempo, dopo abbiamo giocato bene. Il Milan poi si è difeso con tre centrali e noi volevamo schiacciarli dentro l’area. Non siamo riusciti a fare un gol in più di loro".

LE SOSTITUZIONI - "I cambi? Chiesa già aveva un risentimento muscolare all’intervallo. Il ragazzo è stupendo e deve continuare a conoscere il suo corpo. Ha voluto continuare ma dopo dovevo sostituirlo perché non possiamo permetterci di perdere nessuno. Tello è entrato perché non potevamo continuare con Chiesa e non c’erano altri esterni. Ilicic ha avuto molta mobilità e molte decisioni come esterno, molti cambi di posizione con Chiesa perfetti. E’ riuscito a giocare facendo molti cross e giocate verso il centro del campo”.

Emanuele Landi

"TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

"SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

tutte le notizie di

Potresti esserti perso