Shevchenko: “Sto con Berlusconi. Cinesi? I soldi non sono tutto”

Shevchenko: “Sto con Berlusconi. Cinesi? I soldi non sono tutto”

L’ex attaccante del Milan ha parlato della possibile cessione della società rossonera e mostrandosi dispiaciuto per Berlusconi.

di Redazione
Andriy Shevchenko , ex attaccante del Milan

Andriy Shevchenko ha parlato ai microfoni di Milan Channel della possibile cessione della società rossonera: “Per me il Presidente Berlusconi è una persona speciale. Da quando è al Milan ha portato a casa tante vittorie. Sono stati anni di grandi successi. Ma forse è arrivato il momento di prendere la decisione di cedere la proprietà, e se il Presidente ha pensato questo, vuol dire che è la cosa giusta”.

Sul suo arrivo al Milan: “Quando sono arrivato al Milan, avevano cambiato diversi allenatori, non si arrivava da un bel periodo. Quando non arrivano i risultati la Società e i tifosi non sono contenti. Quando cambi tanti allenatori diventa più difficile trovare la strada giusta per aprire un nuovo ciclo.

Sulla crisi del Milan: “È un momento così, bisogna incitare e avere la pazienza di aspettare. Sicuramente i soldi sono importanti nel calcio, senza soldi non puoi prendere giocatori importanti. Quando si cambia la proprietà però bisogna valutare anche la dirigenza e trovare le giuste persone per fare un buon progetto, non so se ci saranno o meno cambiamenti, i soldi sono importanti ma non sono tutto”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Berlusconi: “Milan, giornata decisiva. Brocchi? Dipende dai cinesi”

Cessione Milan, ecco cosa cambia con i cinesi

Cessione Milan, Gancikoff possibile nuovo AD. Ecco chi è

Cessione Milan, emerge qualche dettaglio sulla cordata cinese

Calabria: “Brocchi? Grande allenatore, vedrete”

SEGUICI:

Su Facebook

Sulla nostra nuova App

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy