San Siro non si tocca: il nuovo stadio avanza ma Sala resiste

San Siro non si tocca: il nuovo stadio avanza ma Sala resiste

Milan e Inter hanno parlato due giorni fa a Losanna in merito alla costruzione del nuovo stadio, ma il sindaco Beppe Sala resiste: “San Siro su nel 2026”

di Alessio Roccio, @Roccio92

ULTIME MILANMilan e Inter, attraverso le parole di Scaroni – presidente rossonero – e Antonello – amministratore delegato nerazzurro – hanno parlato un paio di giorni fa direttamente da Losanna, sede dove si è tenuta la votazione per le Olimpiadi invernali del 2026 assegnate poi a Milano-Cortina. I due hanno sostenuto ancora una volta l’idea della costruzione di un nuovo impianto dove rossoneri e nerazzurri possano giocare in futuro. Un’idea che prevedrebbe l’abbattimento di San Siro, poiché i due stadi sorgerebbero a pochi metri di distanza.

A fronte di una coabitazione impossibile – soprattutto per i costi di gestione – il “vecchio” San Siro verrebbe smantellato, ma non sembra essere di questo avviso il sindaco del capoluogo lombardo Giuseppe Sala. Il numero uno di Milano afferma ancora una volta che San Siro sarà presente nel 2026 in occasione delle Olimpiadi, mentre Scaroni e Antonello si augurano che sia il nuovo stadio ad ospitare la serata di apertura dei Giochi.

Tra 7-10 giorni le due società faranno avere al comune lo studio delle fattibilità del progetto, ma il sindaco porrà loro un limite. Per il 2026 non ci dovranno essere zone di cantiere attorno a San Siro. Il che vuol dire due cose: o lo stadio sarà pronto entro quell’anno oppure dovrà essere costruito successivamente, ipotesi nemmeno contemplata da Inter e Milan. Stesso discorso vale per tutte le infrastrutture nuove che sono previste dal progetto: cinema, negozi, locali, alberghi, che dovrebbero fare della zona di San Siro un punto nevralgico dell’intrattenimento devono essere concluse entro quella data oppure costruite in una fase successiva.

Nel cronoprogramma fissato dai due club il progetto completo verrebbe consegnato entro la fine del 2019, nel 2020 verrebbero consegnate le autorizzazioni e nell’anno successivo l’inizio dei lavori. Lo stadio verrebbe pronto per la stagione 2024-25: un programma molto ambizioso, cosa ne penserà il sindaco?

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy