Tuttosport – Milan, una fideiussione da 100 milioni per convincere la UEFA

Tuttosport – Milan, una fideiussione da 100 milioni per convincere la UEFA

Un istituto bancario che ha già collaborato con il Milan farebbe da garante al nuovo socio in arrivo: una svolta nella vicenda del club rossonero?

di Daniele Triolo, @danieletriolo

L’edizione odierna di ‘Tuttosport’ ha parlato della complicata situazione societaria del Milan evidenziando, però, come il club di Via Aldo Rossi possa arrivare all’udienza di Nyon, in programma il prossimo 19 giugno dinanzi la Camera giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario dei Club di calcio UEFA con un’importante carta da giocarsi.

Si tratta delle garanzie economiche da presentare alla Corte: un asso nella manica che rafforzerebbe, di molto, la tesi difensiva del Milan redatta dall’avvocato Roberto Cappelli e dal professor Umberto Lago, che hanno coordinato il pool di esperti convocati e coinvolti dal Milan sotto la supervisione dell’amministratore delegato Marco Fassone. Ne è scaturito il documento che attesta tutti i punti di forza in favore del Milan.

Il blitz milanese di qualche giorno fa del proprietario e Presidente rossonero, Yonghong Li, sembra infatti aver dato i suoi frutti. Per ‘Tuttosport’, un istituto di credito italiano avrebbe risposto ‘presente’ all’appello dell’imprenditore cinese, aprendo una linea tale da garantire una somma vicina ai 100 milioni di euro: potrebbe, questo, essere il segnale che un nuovo socio, al momento di minoranza, sia pronto davvero a fare il suo ingresso nel Milan ed a dare maggiori certezze e stabilità alla società.

Novità importante, questa, perché appare evidente che se le garanzie economiche del nuovo socio, attraverso la fideiussione bancaria di 100 milioni di euro, venissero mostrate alla UEFA, il velo di mistero che, al momento, ammanta l’identità del soggetto interessato alla scalata al Milan verrebbe a cadere piuttosto rapidamente.

Tale operazione indurrebbe ad un briciolo di ottimismo in casa rossonera: la UEFA potrebbe infatti ammorbidire la propria posizione dopo aver rifiutato ai rossoneri sia il voluntary agreement sia il settlement agreement proprio per incertezze sulla stabilità economica della proprietà cinese. Clicca qui, intanto, per conoscere quali mosse effettuerà il Milan in caso di sentenza negativa della UEFA.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy